Ultime dalla casetta al Marzapane

Cerca tra le ricette di PdM

venerdì 14 marzo 2014

Torta cuor di mandarino: una crostata che profuma di agrumi

Ricetta per il Bimby
Nella borsa della spesa
Per la crema ai mandarini:
200 ml di succo di Mandarini
4 Mandarini, la scorza
100 g di Zucchero di canna
2 Uova
40 g di Burro

Per la frolla:
300 g di Farina 00
150 g di Zucchero di canna
100 g di Burro
1 Uovo intero + 1 Tuorlo
1 cucchiaino di Cremor tartaro (Lievito per dolci)

Per decorare:
Zucchero a velo
Cannella



Vi racconto il “come fare” – Ricetta adattata all’uso del Bimby:
Preparate la crema come segue:
Lavate e asciugate i mandarini, tagliateli a metà e recuperate il succo, con uno spremiagrumi, fino ad ottenere la quantità indicata e mettete da parte.
Grattate la scorza di 4 mandarini ben puliti e asciutti e versate questa assieme allo zucchero nel boccale del Bimby: tritate per 15 sec. vel. 10.
Aggiungete nel boccale le uova, il burro a fiocchetti e il succo dei mandarini: cuocete per 13 min a 90°C vel. 3. Dopo i primi 5 min di cottura, togliete il misurino così da lasciare addensare meglio la crema.
Una volta pronta, trasferite la crema in una ciotola e coprite con pellicola trasparente “a pelo”, lasciate quindi raffreddare completamente.
Preparate l’impasto come segue:
Versate nel boccale, pulito e asciutto, il burro a pezzetti, l’uovo, il tuorlo, lo zucchero, la farina e il cucchiaino di cremor tartaro: impastate per 1 min vel.6.
Recuperate l’impasto dal fondo del boccale, compattatelo e avvolgetelo in pellicola trasparente quindi lasciatelo riposare in frigorifero per circa 15 minuti.
Appena la vostra crema sarà fredda, potrete preparare il dolce: imburrate e infarinate una tortiera da 24 cm. Recuperate l’impasto della frolla e dividetelo in due parti, di cui una leggermente più grande; stendete il pezzo più grande tra due fogli di carta da forno e usate questo disco di frolla per foderare fondo e bordi della tortiera. Versate sulla base dell’impasto la crema al mandarino. Stendete, sempre tra due fogli di carta da forno, la seconda parte di impasto e utilizzate questa come strato superiore, per coprire la torta.
Cuocete in forno già caldo a 180°C per 25-30 minuti. Sfornate il vostro dolce solo da freddo, per evitare che si rompa e servitelo spolverizzato con zucchero a velo e cannella.



Un pizzico di :
Questa è una torta preparata a quattro mani. Domenica mattina, il vicinato quieto in un sonno che si attarda e che lascia pace al silenzio, i miei che ci aspettano per il pranzo che seguirà ed io e il buongustaio con la voglia di impastare qualcosa di buono. Io lo amo il mio buongustaio, lo amo per tante cose che non si possono raccontare a parole e lo amo per tutti i capricci che lascia alla mia fantasia… uno di questi? Il non voler mondare i mandarini, ne, in generale, altri agrumi: non amo il forte odore che poi permane sulle mani; so che è strano, c’è chi dice che è profumo, per me però l’odore di agrumi che non va via è vagamente irritante.
Da quando lo conosco, il buongustaio, ha sempre fatto in modo che mangiassi arance e mandarini, presentandomeli mondati e pronti alla degustazione. Così, per questa torta, era necessaria la preparazione a quattro mani, Lui si è occupato dei mandarini, io del resto.
Non potevo non trascrivere qui questa ricetta, da Lui ideata, da me realizzata, da Noi tutti gustata con estasi: una torta ripiena d’amore e di qualche capriccio. Il gusto è stato strepitoso e la rifaremo ancora, e ancora… e ancora :)


Per Torte e Dessert...

6 commenti:

  1. Che torta deliziosa... un ottimo inizio di giornata!
    Un bacione

    RispondiElimina
  2. il ripieno deve essere favoloso!

    RispondiElimina
  3. Ma sai che non ho mai mangiato una torta al mandarino? mi hai fatto venir voglia di assaggiarla! slurppppp

    RispondiElimina
  4. Che bella idea!!!!!!!!!! Mi farebbe molto piacere se passassi dal mio blog: http://golosedelizie.blogspot.it/ ti aspetto ^_^

    RispondiElimina
  5. Ah, ecco qual'è l'ingrediente segreto!!!
    Tutto quest'amore non poteva non dare il gusto in più a questo dolce (che già da solo sembrerebbe buonissimo!).
    Bravi!

    RispondiElimina

Le tue parole al marzapane sono come una tavolozza di colori, utili per colorare il mondo insieme, pronte a dare vita a nuovi spunti... e sono gradite, sempre!

Puoi seguirmi su:

Gli amici