Ultime dalla casetta al Marzapane

domenica 30 marzo 2014

Crostata Linzer alla nutella


Nella borsa della spesa:
400 g di Farina 00
230 g di Burro
180 g di Zucchero
100 ml di Latte intero
4 Tuorli
1 Limone, la scorza

Per farcire:
400 g di Nutella

Per decorare:
Zucchero a velo
Cannella



Vi racconto il “come fare”:
Trasferite il burro a pezzetti in una terrina, il burro dovrà essere morbido e non freddo da frigo, e montatelo (con una frusta elettrica) a pomata. Aggiungete lo zucchero e la scorza di limone e continuate a montare fino ad ottenere una crema spumosa, quindi aggiungete un tuorlo alla volta, sempre continuando a lavorare il composto con le fruste, poi il latte, mescolando fino ad ottenere una crema molto morbida. Infine, aggiungete la farina incorporandola alla crema non più con le fruste, ma con una spatola.
Preriscaldate il forno a 180°C, imburrate e infarinate una tortiera da 24 cm, circa, di diametro.
Trasferite la frolla montata dentro una sacca da pasticcere con una bocchetta a stella e riempite la tortiera sul fondo e sui bordi.
Scaldate a bagnomaria, o al microonde, il vado di nutella e utilizzate questa (scaldarla serve a stendere meglio la nutella) come ripieno della torta. Con la restante frolla montata, e sempre con la sacca da pasticcere, realizzate sulla superficie della torta “la grata” (le listarelle incrociate) tipica di una crostata.
Infornate in forno già caldo e cuocete per circa 40 minuti o fino a perfetta doratura della frolla.
Da fredda, trasferite la crostata linzer alla nutella su un piatto da portata e spolverizzate con zucchero a velo e cannella.

Se possedete il bimby
potete procedere all’impasto come segue: Versate nel boccale del bimby il burro, la scorza di limone, i tuorli, il latte e lo zucchero: montate per 20 sec. vel.5.Aggiungete la farina: mescolate per 30 sec. vel.6.
Recuperate l’impasto dal boccale del bimby e trasferitelo in una sacca da pasticcere con bocchetta a stella poi continuate come da indicazioni sopra riportate.


Un pizzico di :
Gli ultimi, sono stati giorni congestionati e ricchi di cose da fare, con pochissimo tempo da dedicare alla cucina eppure ci tenevo a realizzare un dolce come questo: un dolce del cuore!
Premetto che in questa ore, nel momento stesso in cui leggerete la mia ricetta, sono intenta a preparar valigia, non di coppia questa volta, e da domani sarò fuori città per lavoro, così desideravo lasciare a casa un pezzetto di cuore per un buongustaio che avrà un dolce risveglio anche domani, seppur senza me, e finché durerà la crostata linzer alla nutella a rammentargli la mia dedizione.
Ho pensato alla crostata alla nutella, come dolce del cuore, perché è stata la prima torta che ho fatto per il mio buongustaio. Sono trascorsi quasi 11 anni dal nostro primo incontro e ancora oggi cucino per Lui con amore; e fu con tanto amore che, qualche anno fa, preparai per lui una crostata così golosa e ricca da destare stupore.
Oggi ripropongo una versione lievemente diversa, della crostata alla nutella, classico tra i classici, e mi cimento in una linzer, una frolla morbida, montata, il cui abbraccio è ideale per accogliere un bel ripieno e nella fusione dei sapori si crea un incontro indissolubile, magico momento che si lascia assaporare e ricordare…

Per a colazione...

5 commenti:

  1. Ciao Tiziana, sono svenuta davanti a tutta quella nutella! E' buonissima questa crostata, assolutamente da provare!

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia!!
    Altrocchè.... proprio un capolavoro che proverò a fare appena possibile!
    Baci!

    RispondiElimina
  3. Che dire...fantastica!!!....è super golosa!!!

    RispondiElimina
  4. Non ho ancora provato la frolla montata. Mi piace la tua versione. Questa crostata oltre ad essere golosa e anche un bel ricordo.

    RispondiElimina
  5. ciao, mi hanno assegnato un premio ed io ho pensato a te come blog che seguo, spero ti faccia piacere
    http://sharecooking.altervista.org/blogger-awards/

    RispondiElimina

Le tue parole al marzapane sono come una tavolozza di colori, utili per colorare il mondo insieme, pronte a dare vita a nuovi spunti... e sono gradite, sempre!

Gli amici