Ultime dalla casetta al Marzapane

venerdì 11 gennaio 2013

Rosette semintegrali di farro


Nella borsa della spesa:
300 g di Farina di Farro + il necessario per la spianatoia
200 g di Farina di Farro Integrale
250 ml di Acqua a temperatura ambiente
100 ml di Latte p.s.
1 bustina di Lievito di birra secco (circa 7 g)
10 g si Sale (circa un cucchiaino da thé)
10 g di Zucchero
1 cucchiaio di Olio EVO

Vi racconto il “come fare”:
Scaldate leggermente il latte e versatelo dentro una capiente tazza, aggiungete il lievito in polvere e lo zucchero e mescolate, lasciando poi riposare il preparato per alcuni minuti.
Al centro della spianatoia, o dentro una ciotola, miscelate le due farine al sale, quindi iniziate ad impastare con il latte e lievito. Per continuare ad impastare, versate a filo l’acqua e l’olio evo. Manipolate l’impasto fino ad ottenere un panetto liscio e non più appiccicoso sulle mani (se servisse aiutatevi con dell’altra farina spolverizzandola sulla spianatoia).
Date all’impasto la forma di una pagnotta, praticate con un coltello il classico taglio a croce e riponete l’impasto a riposare in un luogo caldo, al riparo da correnti d’aria: o sulla spianatoia infarinata, coprendo la pagnotta con un telo, o dentro la ciotola coprendo anche in questo caso con un telo.
Lasciate lievitare il vostro pane per almeno 1 ora o fino al raddoppio del volume.
Trascorso il primo tempo di lievitazione, dividete l’impasto in tante palline (otterrete circa 10 rosette) e date ad ogni pallina la forma della rosetta: con il taglia mela, praticate un’incisione sull’impasto leggermente appiattito a disco, senza tagliarlo del tutto.



Posizionate le vostre rosette così formate, sulla placca da forno foderata con carta da forno e lasciatele lievitare ancora circa 30 minuti. Intanto accendete il forno preriscaldandolo a 180-200°C. A forno ben caldo, infornate il pane e cuocete per 30-35 minuti.

Se possedete il bimby
potete procedere all’impasto come segue:
Inserite nel boccale il latte, l’acqua, il lievito, lo zucchero. Chiudete il coperchio e miscelate il tutto per 1 min. a 37°C vel.2. Aprite nuovamente il coperchio e versate le farine, il sale e l’olio, chiudete e impastate 4 minuti vel.spiga.
Per i tempi di lievitazione e la cottura, seguite la procedura come sopra descritta.

Un pizzico di :
Non poteva cominciare questo 2013, internautamente parlando, senza il profumo del buon pane fatto in casa. Tra le varie sperimentazioni e le diverse fasi che hanno visto la mia casetta al marzapane bianca di neve - al farro o al kamut - e infarinata di quel fermento che si chiama panificazione, ecco delle rosette di farro semintegrale che ho preparato "tagliando" la farina bianca con una parte integrale.



Il mio Saro ormai è morto e defunto, non ricordo più da quanto tempo non cuocio pane di grano, ne tenero ne duro, sostituito nella nostra alimentazione con Farro e Kamut. Oggi poi mi sono dedicata a metter su delle informazioni su entrambi i cereali, nel desiderio di sistemare al meglio la pagina sulle Ricette Senza, ed ho compreso nel profondo quanto sia utile incrementare l’alimentazione di noi tutti con farine più salutari: il farro è un aiuto per tutti quei problemi che affliggono l'apparato digerente, ad esempio, mentre il kamut ha ottime proprietà antiossidanti; entrambi sono più digeribili, più nutrienti e… dimagranti del grano classico! Basta per convincervi a provare? Ed allora, buon Kamut e Farro a tutti

13 commenti:

  1. Queste rosette sono un incanto, perfette! e l'attrezzo che hai utilizzato per realizzarne le venature mi intriga molto... l'ho visto spesso in giro e ho sempre avuto la tentazione di comprarlo.. complimenti:)

    RispondiElimina
  2. sono davvero favolose,la tecnica del tagliamela l'ho usato anche io per fare la forma della rosette :)) funziona benissimo.
    ciao cara a èresto

    RispondiElimina
  3. Favolose, purtroppo entrambe le farine presentano glutine quindi sono belle solo da guardare per me...immagino la bontà però,
    un grande abbraccio e buon we!

    RispondiElimina
  4. Ora ho capito finalmente a cosa serve quel tagliamela che ho visto dimenticato in un cassetto a casa di mia madre. Grazie!! Le tue rosette sono bellissime!

    RispondiElimina
  5. Sono perfette e bellissime! Non avevo mai usato utilizzato il tagliamela per il pane, però vedo che funziona benissimo!
    Flora

    RispondiElimina
  6. Molto ispirato e ispirante...ma soprattutto, caaarina l'idea del tagliamela! Adesso finalmente saprò cosa farne...

    RispondiElimina
  7. Stupende e grazie per l'idea del tagliamela. Complimentissimi!!!


    pastaenonsolo.blogspot.it

    RispondiElimina
  8. bellissime queste rosette, davvero...e pensare che basta un tagliamela per farle così belle!!!

    RispondiElimina
  9. le tue rosette belle fanno mangiami mangiami ciao

    RispondiElimina
  10. bellissima ricetta :) me gusta me piace

    RispondiElimina
  11. Sono bellissimi questi panini! Ma l'attrezzino che hai usato dove si acquista?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ines, il tagliamela lo trovi in tutti i negozi dove vendono "casalinghi" e utenzili per la casa e anche in alcuni supermercati, io (se non ricordo male) l'ho trovato da carrefour ad esempio :)
      Tiziana

      Elimina
  12. Stupendo ! mi chiedevo quale marchingegno avevi usato per fare delle rosette così belle e scopro che è il tagliamela proprio come quello che ho io !!! Copio la ricetta e ci provo ! complimenti !!!!

    RispondiElimina

Le tue parole al marzapane sono come una tavolozza di colori, utili per colorare il mondo insieme, pronte a dare vita a nuovi spunti... e sono gradite, sempre!

Gli amici