Ultime dalla casetta al Marzapane

martedì 9 ottobre 2012

Polpette di sarde


Nella borsa della spesa:
1 kg di Sarde
3 cucchiai di Pangrattato
3 cucchiai di Caciocavallo grattugiato
6 foglie di Menta fresca
1 cucchiaio di Passoline e Pinoli
1 spicchio d’Aglio
1 Uovo
Sale e Pepe q.b.
Sugo di pomodoro, già pronto e condito, circa 400 g

Farina e Olio per frittura



Vi racconto il “come fare”:
Pulite ed eviscerate le sarde - vedi il foto tutorial - il peso scenderà a circa 560 g e riuscirete ad ottenere circa 20 polpettine con le dosi indicate in ricetta.
Lasciate dunque il pesce a scolare per un pò su apposito colino quindi lavoratelo con gli ingredienti: impastate i filetti di sarda con il pangrattato, il caciocavallo grattugiato, le foglie di menta sminuzzate, le passoline e pinoli, lo spicchio d’aglio (a cui toglierete l’anima centrale) ridotto a pezzettini, un pizzico di sale, uno di pepe e l’uovo.
Le sarde si sminuzzeranno abbastanza facilmente con la sola pressione delle dita e si mescoleranno bene ai restanti ingredienti, per cui non sarà necessario frantumarle prima.
Ottenuto il vostro impasto omogeneo, realizzate delle polpettine che andranno prima infarinate e poi fritte in abbondante olio bollente.
Scolate le polpette di sarde su carta assorbente (sono buone anche così!) quindi trasferitele nel tegame con il sugo di pomodoro, che avrete precedentemente preparato e tenuto in caldo, mescolate e lasciate insaporire – cuocendo a fuoco moderato – per almeno 10 minuti.



Un pizzico di :
Io adoro, letteralmente, le polpette di sarde. È uno di quei piatti che, haimé, ho scoperto davvero tardi… le rammento nei racconti di mia madre quando da piccola mi diceva che sua madre, la mia nonnina, le preparava spesso ed a Lei piacevano molto.
Mi spiegava di quanto fosse laboriosa la preparazione per via di quella pulizia, della necessità di privare le sarde di ogni più piccola lisca… e poi è stato amore a primo morso. In ogni ristorante palermitano che offra pesce nel suo menù, è facile trovarle tra gli antipasti ed io le ordino sempre!



Da quando le polpette di sarde si sono insinuate nella mia mente, le chiedo spesso a mia madre e lei si piega alla pulizia di quel pesciolino che a noi isolani regala tante ricette ricche di gusto e tradizione: le sarde, oggi per voi in deliziose polpettine


15 commenti:

  1. ottime! e poi adoro le sarde! su http://squisitocooking.blogspot.it/ è in atto un contest sulle polpette se è compatibile con le tue iniziative perchè non partecipi? a presto, baci

    RispondiElimina
  2. Sappi che sto svenendo dinanzi a tale bontà...farei volentieri la "scarpetta" sullo schermo del computer...ah, se solo potessi sentirne anche l'odore! Brava.
    Alla prossima

    RispondiElimina
  3. BOOOONE!!!!! Davvero sfiziose!!

    RispondiElimina
  4. Ottimo il tuo piatto!adoro le polpette di sarde. Complimenti

    RispondiElimina
  5. Sembrano davvero deliziose...una tira l'altra!
    farncesca

    RispondiElimina
  6. Ciao le sarde da noi si usano molto per metterle in "saor" ovvero in carpione, prima fritte e poi con cipolla e aceto. Usiamo anche moltissimo per questo le alici che da noi si chiamano "sardoni" anche se in prevalenza li mangiamo fritti o aperti impanati.
    Mi stuzzicano queste polpette ma...non ho nessuno che le pulisca :(( purtroppo....però le farò lo stesso omettendo però la menta quella proprio non la sopporto anche se immagino il gusto si perde.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  7. Che bontà! Adoro il pesce azzurro e nella tua regione sanno valorizzarlo, vabbè ho un debole per la cucina siciliana.
    Un saluto :)

    RispondiElimina
  8. Chissà perchè non avevo mai pensato di presentare il pesce in polpette,l'idea mi piace tantissimo!

    RispondiElimina
  9. le polpette le adoro ma di pesce non le ho mai fatte! Grazie per questa ricetta gustosa :-)

    RispondiElimina
  10. Bellissimo viaggio! Hai fatto delle foto stupende. Però il cammello che beve la coca cola le batte tutte *_*
    Baci

    RispondiElimina
  11. quanti ricordi della Tunisia sono riemersi dalle tue foto...

    RispondiElimina

Le tue parole al marzapane sono come una tavolozza di colori, utili per colorare il mondo insieme, pronte a dare vita a nuovi spunti... e sono gradite, sempre!

Gli amici