Ultime dalla casetta al Marzapane

mercoledì 18 luglio 2012

Pane al farro e pomodori secchi (il filone casereccio)



Nella borsa della spesa:
500 g di Farina di Farro + il necessario per la spianatoia
200 ml di Acqua
300 g di L.M. di farro da rinfresco (ricetta)
10 g di Sale (circa un cucchiaino da thé)
10 g di Zucchero (circa un cucchiaino da thé)
30 g di Olio evo
150 g di Pomodori secchi sott’olio

Vi racconto il “come fare”:
Dentro una capiente ciotola versate l’acqua, che dovrà essere a temperatura ambiente o, preferibilmente, tiepida e aggiungete il lievito madre e lo zucchero. Miscelate per bene, fino a far sciogliere il lievito madre ottenendo una pastella ben soda.
Al centro della spianatoia disponete la farina a fontana, fate un buco al centro e iniziate ad impastare con il composto di lievito madre sciolto in acqua. Aggiungete l’olio e il sale e lavorate fino a far assorbire tutto il liquido al vostro impasto. Manipolare il panetto fino ad ottenere una consistenza liscia e non più appiccicosa sulle mani, se necessario aiutatevi spolverizzando il piano di lavoro con della farina. Date all’impasto la forma di palla, praticate sulla superficie un taglio a croce e riponete la pagnotta dentro una ciotola coprendo con pellicola trasparente. Lasciate lievitare almeno 2 ore.



Scolate bene i pomodori secchi dall’olio in cui sono conservati e tagliateli a pezzetti non troppo piccoli.
Trascorso il tempo di prima lievitazione, l’impasto dovrà essere quasi raddoppiato in volume, riprendete la pagnotta e stendetela nuovamente sul piano di lavoro quindi versate sull’impasto i pomodori a pezzetti distribuendoli in più uniformemente possibile. Ripiegate l’impasto su se stesso più volte in modo da distribuire all’interno i pezzetti di pomodoro, quindi ridate la forma di pagnotta, praticate nuovamente il taglio a croce e lasciate lievitare ancora 1 ora.
A questo punto stendete nuovamente l’impasto, arrotolatelo in modo da dar forma di pagnotta o di filone casereccio (come nel mio caso), trasferite il pane sulla placca da forno foderata di carta da forno. Praticate alcuni tagli trasversali sul filone di pane e lasciate lievitare ancora 1 ora, coprite il pane con un telo, ed intanto accendete e portate a temperatura massima il vostro forno.
A forno ben caldo, infornate e cuocete 35-40 minuti.

Se possedete il bimby
potete procedere all’impasto come segue:
Versate nel boccale l’acqua, lo zucchero e il Lievito Madre, sciogliete per 30 secondi a velocità 3.
Riaprite il coperchio e versate nel boccale la farina, il sale e l’olio e impastate 3 minuti velocità spiga.
Ottenuto il vostro impasto dategli forma di pagnotta e procedete come da descrizione sopra.



Un pizzico di :
Da bambina, mi ricordo, in questo periodo dell’anno iniziava a diffondersi nell’aria l’agre e forte profumo di pomodori essiccati al sole.
Mio padre, pur lavorando per quasi tutto il periodo estivo, ci portava in vacanza a 50 chilometri dalla città. Ci portava al mare e lui viaggiava, affogando tra caldo e sudore su quell’autostrada… eppure riusciva a mantenere la sua famiglia al mare tre mesi l’anno. Faticava, regalandoci momenti che non torneranno, che mi hanno permesso di essere più vera e più io, quella che sono oggi, che hanno arricchito il mio bagaglio già pieno di sospiri.
Il mare era meraviglioso, così come la sensazione di libertà: camminavo a piedi nudi. Non avevo ancora 13 anni e già uscivo con gli amici la sera, tornando a notte fonda… infondo ci si conosceva un po’ tutti e su quel lungomare quante vasche, era impossibile ci accadesse qualcosa perché quel paesino diveniva d’estate una grande famiglia, le strade come corridoi di casa e i davanzali delle finestre, come occhi di zie amorevoli che controllano i nipotini.
Mi divertivo.
Mare al mattino, al pomeriggio, mare sulla pelle… sole e caldo ad animare le vene e la testa pulsante d’emozioni.
Ho imparato a camminare sugli scogli, a tuffarmi, a stare ad occhi aperti in fondo al blu salato. Quante amicizie ho fatto e disfatto per quelle vie, quante cose capite, perse e trovate, assaporate, quante nascoste dentro le pieghe dell’anima sono poi riaffiorate negli anni…
E sul terrazzo di casa nostra il profumo dei pomodori secchi. Se ne occupava lui, mio padre. Nei momenti che trascorreva con noi e durante le sere afose. Lui si occupava di preparare il vino alle pesche, di essiccare ortaggi da conservare, di affettare angurie grosse come sogni da realizzare, di progettare escursioni per i fine settimana che erano ricchi di nuovi sapori.
Il sapore dei nostri pomodori difficilmente tornerà sulla mia tavola e dentro il mio pane, però mi piace ricordare…



18 commenti:

  1. Fantastico questo pane di farro!!! Uaoh! :)
    Mi hai fatto venir fameeeee!!! :)
    Buona serata..beata te che te magni sta pagnottina carina :P

    Nelly

    RispondiElimina
  2. Chissà che buono!
    Ne assaggerei un pezzetto!

    RispondiElimina
  3. non ho mai fatto il pane di farro, comunque mi piace molto l'idea dei pomodori secchi nel pane

    RispondiElimina
  4. Ciao! decisamente buono e rustico questo panetto! entrambi sapori forti e decisi per un lievitato tutto da gustare anche da solo!
    baci baci

    RispondiElimina
  5. Che buono questo pane....chissà che profumino!!!!

    RispondiElimina
  6. Che bontà!
    Grazie di essere passata da me :)

    RispondiElimina
  7. Mi piacciano tanto i pomodori secchi, immagino che bontà in questo pane.

    RispondiElimina
  8. Eccomi tra i tuoi fans,complimenti per il blog e grazie mille per essere passata da me,mi ha fatto molto piacere!Ciao e alla prossima ricetta!

    RispondiElimina
  9. Che ricordi meravigliosi... sembra di sentire da qui il profumo del salmastro... ma quello della tua pagnotta è ancor più un incanto!

    RispondiElimina
  10. non pensavo potesse venire un pane così con sola farina di farro; non ho problemi di glutine ma mi piace proprio tanto il gusto:)
    PS grazie mille della visita, seguo il tuo blog molto volentieri

    RispondiElimina
  11. Ciao Tiziana,
    grazie della visita! :)
    Ma che profumo deve emanare questa pagnotta? buonissima!!!

    RispondiElimina
  12. Mi piace un sacco il farro e i pomodori secchi!!! Buona buona buona!!!

    RispondiElimina
  13. Meraviglioso il ricordo delle tue vacanze...mi hai fatto tornare indietro nel tempo...è bellissimo passare l'estate in un paese dove si conoscono tutti, i genitori sono tranquilli e i figli stanno sereni!
    Bellissimo anche il tuo pane!! Complimenti!!

    RispondiElimina
  14. Che meraviglia!!!! Complimenti per la fantastica ricetta, prendo nota!!! Baci e felice giornata

    RispondiElimina
  15. Spettacolare questo pane casereccio! Complimenti!!!!

    RispondiElimina
  16. buonissimo, me ne gusto una fetta virtuale!

    RispondiElimina

Le tue parole al marzapane sono come una tavolozza di colori, utili per colorare il mondo insieme, pronte a dare vita a nuovi spunti... e sono gradite, sempre!

Gli amici