Ultime dalla casetta al Marzapane

mercoledì 30 maggio 2012

Schiacciatine di Farro integrale e semi di zucca


Nella borsa della spesa:
2 tavolette di Burro di cacao Venchi
10 g di Zucchero
400 g di Acqua
700 g di Farina di Farro integrale
15 g di Sale
20 g di Lievito madre di farro disidratato
Semi di Zucca q.b.

Nota:
In genere le intolleranze non arrivano mai da sole, come nel mio caso, l’utilizzo di burro di cacao in questa ricetta vuole essere un esempio di come il contenuto di grassi (laddove si fosse intolleranti alle olive, quindi all’olio d’oliva) che canonicamente utilizziamo per arricchire una ricetta, con un po’ di fantasia, può essere sostituito da altrettanto validi ingredienti. Spesso sostituisco nelle ricette l’olio d’oliva con il burro di cacao o con l’olio di mais e per il pane entrambi danno ottimi risultati di gusto.

In cucina con Pecorella:
Ho utilizzato Burro di cacao Venchi, materia grassa ottenuta dal frutto di cacao. È altamente digeribile, non contiene colesterolo ed è un grasso vegetale, adatto alla cucina vegetariana!



Vi racconto il “come fare”:
Scaldate l’acqua, scioglietevi dentro il burro di cacao e – appena l’acqua sarà tiepida, non troppo calda – aggiungete lo zucchero e il lievito madre disidratato. Miscelate bene. Ponete dentro una ciotola capiente la farina a fontana, fate un buco al centro dove verserete il liquido preparato prima con acqua, burro di cacao, zucchero e lievito. Iniziate ad impastare fino a completo assorbimento del liquido, appena la farina inizierà a staccarsi dalle mani, aggiungete il sale e portate l’impasto sulla spianatoia infarinata. Continuate ad impastare energicamente, con i polsi, girando e sbattendo sul piano l’impasto, per almeno 10 minuti. L’impasto che otterrete sarà decisamente morbido, leggermente appiccicoso sulle mani, a questo punto date forma di pagnotta e mettete da parte a lievitare, dentro una ciotola coperta da un canovaccio. Lasciate lievitare almeno un paio d’ore, fino al raddoppio, poi date forma di panini allungati e disponeteli su una placca da forno foderata con carta da forno, coprite con il canovaccio e lasciate lievitare ancora almeno un paio d’ore (io ho lasciato in lievitazione l’intera notte, infornando il pane il mattino seguente). I panini tenderanno, lievitando, a schiacciarsi e unirsi tra loro, a questo punto spennellateli di acqua e distribuite sulla superficie dei semi di zucca. Scaldate il forno a 200°C ed infornate cuocendo il pane per 20 minuti.

Se possedete il bimby, potete procedere all’impasto come segue:
versate nel boccale l’acqua, lo zucchero, il lievito madre disidratato e il burro di cacao. Scaldate, per far sciogliere il burro cacao, per 2 minuti a 37°C vel. 2-3.
Aggiungete la farina poi il sale, impastate 2 minuti velocità spiga.
Il resto segue come da descrizione sopra.



Un pizzico di :
Vi ricordate il recente nuovo nato in casa marzapane? Mi riferisco a SaroII, il nuovo lievito madre di farro che – per motivi di intolleranza al grano - ha sostituito il fratello maggiore. Un lievito generato velocemente, utilizzando una scorciatoia che ha dato buoni frutti: da una bustina di lievito disidratato ha preso vita SaroII e questo primo pane di Farro. Il primo preparato con la consapevolezza che il Farro doveva diventare per un po’ il mio cereale di riferimento, tutti quelli che sono seguiti e che vi racconterò nel corso del tempo, sono pani preparati dai rinfreschi di SaroII.

Mi sembra di essermi risvegliata da un lungo sonno, sono stata assente da questo mondo e da altri eppure vi ho pensato cari amici blogger, pur avendo seguito pochissimo il mio contest sono lieta che nove ricette facciano parte della competizione “chef per un mese” di Maggio. Tornerò presto a bandire l’inizio della sfida per il mese di Giugno, mi auguro che partecipiate sempre più numerosi. Una bella intervista su Scelte di Gusto sarà il premio iniziale, ma una vacanza qui in Sicilia (come da regolamento che potrete leggere per esteso qui) è ciò che si aggiudicherà lo chef eletto tra i 12 sfidanti selezionati di mese in mese… vi aspetto

13 commenti:

  1. insomma saro2 sta ando dei buonissimi frutti. Belle le tue schiacciatine, dalla foto sembrano appetitosissime

    RispondiElimina
  2. rustiche, quindi mi piacciono...

    RispondiElimina
  3. non credevo si potesse fare il pane con il burro di cacao!!! io adoro tutti i semi quindi ottimo pane!!!! brava tizi

    RispondiElimina
  4. appetitose, rustiche, belle "panose"...insomme: mi piacciono!

    RispondiElimina
  5. accidenti, sono proprio da forno o panetteria seria, di quelle storiche buone! che brava!

    RispondiElimina
  6. A solo guardarle mettono appetito....bravissima.

    RispondiElimina
  7. Queste focaccine devono essere di un buono... :D! Mi piacciono un po' rustiche e con tutti i semini. E anche l'idea di usare il burro di cacao, mi era passata per la testa ma poi non ci ho mai provato. Seguirò la tua dritta di scioglierlo nell'acqua :) Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
  8. Grazie per il consiglio su il burro di cacao
    perfetta la ricetta ciao

    RispondiElimina
  9. Mi ispirano tanto tanto, mi sembra di sentire il profumino del pane appena sfornato ...
    Rustiche e con i miei semi preferiti ...
    Brava come sempre
    Un abbraccio
    Love et bisous Ve

    RispondiElimina
  10. L'aspetto è invitante, mi piacciono i pani "rustici". Non ho mai provato il burro di cacao.

    RispondiElimina

Le tue parole al marzapane sono come una tavolozza di colori, utili per colorare il mondo insieme, pronte a dare vita a nuovi spunti... e sono gradite, sempre!

Gli amici