Ultime dalla casetta al Marzapane

Cerca tra le ricette di PdM

giovedì 26 aprile 2012

Rosticceria palermitana: i calzoni fritti


Nella borsa della spesa:
Impasto base, per ottenere circa 20-22 pezzi, vedi ricetta

Per farcire:
300 g circa di Prosciutto cotto
200 g circa di Caciotta o mozzarella
Besciamella (facoltativo)

Olio per frittura



Vi racconto il “come fare”:
Una volta ottenuto il vostro impasto base, suddividetelo in tante palline della grandezza di un uovo; l’impasto è molto asciutto, non appiccicherà alle mani e difficilmente vi servirà altra farina per stenderlo.
Stendete ogni pallina con il mattarello in modo da ottenere un disco spesso circa mezzo centimetro. Disponete sul disco di impasto un pezzettino di prosciutto cotto, una fettina di caciotta – o se preferite mozzarella, tagliata qualche ora prima in modo che sia ben asciutta e non rilasci “latte” – e se gradite un cucchiaino di besciamella (secondo ricetta base). Diverse sono le scuole di pensiero che vedono i calzoni fritti con una farcitura più tradizionale, senza, ed una farcitura più completa con besciamella. Noi abbiamo preferito non usarla!
Chiudete il disco di impasto a metà, formando una mezza luna e sigillate (schiacciando bene tra le dita) l’apertura del calzone; potete preparare i calzoni anche diverse ore prima, o il giorno precedente se preferite, in questo caso vi basterà posizionare i calzoni crudi su un piatto foderato di carta da forno, coprirli con carta da forno e lasciarli riposare in frigorifero – noterete l’indomani che i calzoni saranno lievitati ancora divenendo quasi il doppio di grandezza; anche in frittura comunque tenderanno ad aumentare.



Mettete a scaldare dell’olio in un pentolino in modo da poter friggere i vostri calzoni per immersione e friggete pochi pezzi per volta (1 o al massimo 2 calzoni alla volta) facendoli dorare bene da ogni lato. Friggete in olio ben caldo, utilizzando una fiamma non troppo violenta per evitare che i calzoni si scottino troppo in fretta senza riuscire a cuocere bene all’interno.
Ottimi serviti sia caldi che tiepidi.



Un pizzico di :
E dopo avervi raccontato la ricetta che da circa 20 anni utilizziamo in casa per preparare la nostra tipica rosticceria, ecco una prima valida applicazione: i calzoni fritti. Li adoro, davvero, sarei capace di mangiarli anche appena alzata dal letto ed infondo qui da noi la tradizione vuole proprio che siano mangiati a colazione, a metà mattina, da chi si reca a lavoro molto presto al mattino. Non è infrequente vedere al bar, frequentatori mattinieri che pasteggiano un buon calzone fritto, tanto che assieme a cornetti, brioches e delizie dolci, i calzoni – in buona compagnia di arancine alla carne o al burro, pizzette e varie – fanno bella mostra di se in vetrina tra l’odor di caffè ed uno sbadiglio trasognato


...questa ricetta ha partecipato ad un contest per saperne di più clicca QUI

34 commenti:

  1. Anche da me è frequente vedere far colazione con queste bontà..ti confesso che anch'io sarei tentata,ma alle otto sembrerei davvero un camionista affamato!!E invece detto tra noi,ti dico solo che sto morendo solo a guardarlo questo ripieno!!Bravissima!!

    RispondiElimina
  2. che bbbbbbbbbbuoni!! ed anche belli e perfetti!! Bravissima. Ciao Paola

    RispondiElimina
  3. Ecco la prima ricetta per provare l'impasto da rosticceria!!!
    Golosi, la mia nonna è pugliese ed anche lei fa dei calzoni simili ma lì si chiamano panzerotti, e si vendono anche li nei bar, nelle friggitorie ecc.
    Ciao ciao

    RispondiElimina
  4. Fantasticiiiiiiiiii!!! Aggiungo al volo!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Wow!! Bravissima! Sono deliziosi, qui a Catania li chiamiamo "siciliane" :)

    RispondiElimina
  6. Su queste cose non ho fondo. Ne mangerei tantissimi.
    Preferisco anch'io senza besciamella.

    RispondiElimina
  7. Bellissimi e deliziosi mio figlio li adoro copio!!
    baciotti

    RispondiElimina
  8. Tiziana ma che meraviglia....che bontà!!! adoro! adoro!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Ciao Tiziana ,dopo queste meravigliose foto devo provarli i tuoi calzoncini..Anche nella mia città li mangiavo ma ripieni di sola ricotta e l'impasto varia un pochino..
    Li faccio sicuramente...

    RispondiElimina
  10. Buonissimi........anche io li mangerei in ogni momento della giornata. Ciao

    RispondiElimina
  11. Ommamma mia che meraviglia! Anch'io oggi ho fatto la rosticceria palermitana ma ho realizzato dei cornetti salati farciti. Complimenti, sono splendide le foto, rendono perfettamente l'idea. Io non ho mai fatto nulla della rosticceria fritta, solo al forno, devo assolutamente recuperare.

    RispondiElimina
  12. Complimenti cara sono perfette, noi a Catania li facciamo anche con i filetti di acciughe, proverò di sicuro la tua versione con la besciamella! A presto da agata

    RispondiElimina
  13. allora voui proprio farmi star male?!!? che vogliaaaaa!!!! mamma mia sono favolosi!!

    RispondiElimina
  14. Ciao sono passata per caso dal tuo blog e questi panzerotti sono davvero invitanti. Brava, se ti va ti aspetto nel mio blog a presto paola

    RispondiElimina
  15. Che meraviglia, golosissimi!!!!!!!!!!!Ciao Tiziana buona serata!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  16. Mio marito li fa' in tantissimi modi1
    Io non mangio quasi mai le cose fritte anche se i calzoni mi mi piacciono

    RispondiElimina
  17. appetitose! da leccarsi i baffi!!
    buona serata
    baci

    RispondiElimina
  18. Che delizia!!!Anch'io li faccio spesso e ogni volta è festa!!Buoni buoni...uno tira l'altro!!!Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  19. Mamma mia che goduria!!! Questi calzoni sono da paura e davvero io li mangerei anche appena alzata dal letto!! Ti sono venuti una meraviglia...Un bacione cara!!!

    RispondiElimina
  20. ho visto cose che voi umani... ho visto mangiare una ravazzata con la carne alle 6.45 del mattino =)
    Solo a Palermo si possono vedere certe cose!!!
    Proverò la tua ricetta.
    Un abbraccione, Chiara

    RispondiElimina
  21. Spero di fare un prossimo viaggio in sicilia per godermi tante leccornie tra cui questi fritti, lo so dovrei farmeli ma sono pigro, complimenti un gran lavoro e grazie per vaerci fatto conoscere qualcosa di più della regione

    RispondiElimina
  22. e io che sono sempre alla ricerca degli impasti perfetti questa me la segno e provo a convertirla per lievito madre. grazie! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande ^_^ allora aspetto di conoscere la conversione dato che anche io lo uso il l.m.
      Grazie a te ed a tutti voi!
      Tiziana

      Elimina
  23. E che ti devo dire....me ne mandi un paio????.-.....devono essere squisiti!!! un bacione

    RispondiElimina
  24. Da infarto! Come si fa a vivere senza un pò di fritto??? Eh, eh :-)

    RispondiElimina
  25. Ma ciaoo!! c'è una sorpresa per te sulla mia bacheca

    RispondiElimina
  26. Che belli!! Devono essere anche ottimi!

    RispondiElimina
  27. Che bontà... hai ragione anche io appena alzata ne farei fuori minimo un paio!!! buona giornata!

    RispondiElimina
  28. ricetta deliziosa buon 1 maggio, ciao

    RispondiElimina
  29. Anch'io sarei capace di mangiarli a tutte le ore! Bella ricetta, spiegazione molto chiara e fluida.
    terry

    RispondiElimina
  30. What a wonderful blog. You are a great photographer too.

    RispondiElimina
  31. Mamma che buoni devono essere questi... dovrei provarli un giorno di questi!

    RispondiElimina

Le tue parole al marzapane sono come una tavolozza di colori, utili per colorare il mondo insieme, pronte a dare vita a nuovi spunti... e sono gradite, sempre!

Puoi seguirmi su:

Gli amici