Ultime dalla casetta al Marzapane

venerdì 6 aprile 2012

Pecorella di marzapane ripiena al pistacchio

Chi è scappato dal recinto? La pecorella!

Nella borsa della spesa
Per la pasta di mandorle o marzapane:
300 g di Mandorle spellate
200 g di Zucchero a velo
1 cucchiaio di Glucosio (QUI la ricetta per farlo in casa)
1 fialetta di essenza di Mandorle amare
Acqua q.b.

Per la pasta di pistacchi, il ripieno della pdm:
150 g di granella di Pistacchi
100 g di Zucchero a velo
½ cucchiaio di Glucosio
½ cucchiaino di essenza di Pistacchio
Acqua q.b.

Per il decoro – staccionata, pulcini, uova e coniglietti:
Biscottini preparati QUI
…ed ancora:

1 Bandierina o labaro rosso
1 Crestina argentata
1 Fiocco
(ornamenti tipici che troverete in vendita presso i negozi ben forniti di prodotti per pasticceria)

Nota:
Una pecorella particolare, con il ripieno al pistacchio non è propriamente tipica di Palermo, la realizzano così in quel di Favara in provincia di Agrigento. Ogni provincia ha infatti la sua caratteristica nella realizzazione di questo dolce, dalla semplice pasta di mandorle usata a Palermo, ai ripieni di pistacchio o di marmellata di cedro, o canditi, delle città sue sorelle.

In cucina con Pecorella:
Una dolce staccionata, completa di uova pasquali, coniglietti e pulcini, per accogliere la pecorella, realizzata grazie ai simpatici taglia pasta della linea delìcia di Tescoma. Ho "montato" e presentato l'allegro giardino sul vassoio rettangolare della linea Biarritz di Laboratorio Pesaro.

Vi racconto il “come fare”:
Per la pasta di pistacchio – Versate in una terrina la granella di pistacchio e miscelatela con lo zucchero a velo, incorporate il glucosio e l’essenza di pistacchio (reperibile nei negozi ben forniti di prodotti per pasticceria) e piccolissime quantità di acqua (meno di mezza tazzina da caffè). Versate l’acqua sull’impasto poco per volta, lavoratelo con la punta delle dita e solo quando l’acqua verrà assorbita iniziate a lavorare il tutto con più energia (come un vero e proprio impasto simile, per consistenza, alla pasta frolla). Se l’impasto risultasse friabile, aggiungete molto gradatamente ancora piccole quantità di acqua. Il vostro panetto di marzapane al pistacchio è pronto. Avvolgetelo in pellicola trasparente e conservatelo in frigorifero a riposare per almeno mezz’ora, prima di dargli forma.


Per la pasta di mandorle o marzapane - Tritare finemente le mandorle pelate, nel caso in cui non possediate strumenti idonei all’esecuzione di questa fase – un valido mixer con potenti lame taglienti - potete comperare direttamente la farina di mandorle facendo attenzione che sia di ottima qualità e non addizionata di amidi. Ottenuta la vostra farina, versatela in una terrina capiente e miscelatela con lo zucchero a velo, incorporate il cucchiaio di glucosio e sciogliete in una tazzina d’acqua la fialetta di essenza (una tazzina da caffè riempita poco più di metà). Usate l’acqua della tazzina per impastare gli ingredienti, versandola sempre poco per volta, lavorate l’impasto solo con la punta delle dita e solo quando l’acqua verrà assorbita dalla farina di mandorle iniziate a lavorare il tutto con più energia (come un vero e proprio impasto simile, per consistenza, alla pasta frolla). Se l’impasto risultasse friabile, aggiungete molto gradatamente ancora piccole quantità di acqua. Il vostro panetto di marzapane è pronto, potete dargli le forme desiderate, usando le formine in gesso o solo la vostra abilità manuale. Se desiderate conservarlo, basterà avvolgerlo in pellicola trasparente e riporlo in frigorifero.


Nel caso di una pecora ripiena, come la mia, dovrete munirvi di una forma in gesso: foderate la vostra formina con della pellicola trasparente, per evitare che si sporchi dato che il gesso non ama l’acqua ed è dunque complicato lavarlo. Distribuite una parte di marzapane su entrambi i lati della formina, mentre al centro posizionate il panetto di pasta di pistacchio. Chiudete la forma, comprimete bene, fino ad ottenere il calco della pecora. Tagliate via le parti in eccesso e posizionate la vostra pecora, o le diverse pecorelle, su una base, meglio se di carta da forno ad asciugare.



Lasciate asciugare per almeno un giorno le pecorelle di marzapane prima di decorarle. Procedete alla decorazione con pennello e colori alimentari; per scurire il manto potrete utilizzare del cacao in polvere, mentre i colori saranno utili per i dettagli: occhi, orecchie, narici, bocca, zoccoli. I colori in polvere vengono sciolti in acqua e usati come i colori a tempera. Terminata questa fase, lasciate asciugare i vostri dolcetti quindi sistemateli in appositi cestini, incollandola base con un velo di glucosio e completando con caramelle, cannellini, confetti, ovetti di cioccolata, o come nel mio caso biscottini in tema. In ultimo, guarnite l’agnello pasquale con i suoi paramenti: la crestina argentata, il fiocco e il labaro.

...scappata perchè aveva necessità di rifarsi il trucco e di pasteggiare un bel fiore


Un pizzico di :
Mentre lo scorso anno la casetta al marzapane veniva popolata da un piccolo gregge, con tanto di gallinelle e uova di cioccolato, a far da contorno colombe e pupi con l'uovo, quest’anno unica è la pecora che si appresta al dì di festa… si, una sola, ma si tratta di una pecora di marzapane che pesa la bellezza di 570 grammi. Il gusto è ancor più esaltante della semplice pasta di mandorle, martorana o marzapane, che dir si voglia, perchè il ripieno al pistacchio è una vera goduria.

trucco e parruco sistemato, la pecorella torna sotto lo sguardo vigile di pulcini e coniglietti… e che la festa abbia inizio!

La preparazione della Pecorella di Marzapane è ormai un rito nel periodo pasquale per la mia famiglia e per questo blog, data l’omonimia, per tale motivo ho pensato ad un particolare che potesse identificare in modo visivo la mia pecorella, distinguendola dalle altre… proprio per donare un dettaglio al mio blog che tante soddisfazioni ogni giorno regala a me; così da quest’anno in poi le mie pecorelle di marzapane saranno sempre allietate da un fiorellino. La pecora 2012, la farcita Gelsomina, il fiorellino lo stà mangiando di gusto sotto lo sguardo attento dei suoi amichetti biscottati :)

A tutti voi, alle vostre famiglie, agli affetti più cari, i miei più sereni e festosi auguri di una buona Pasqua



48 commenti:

  1. bellissima la tua pecorella....vorrei tanto farla anche io ma non sono riuscita a trovare gli stampini...magari il prossimo anno...buona pasqua

    RispondiElimina
  2. ...uno splendido autoritratto ^_^

    auguri!
    roberta

    RispondiElimina
  3. Davvero, non potevi fare ricetta più azzeccata...si intona benissimo anche al tuo blog, e quel fiorellino in bocca le dà un'aria meno seriosa e molto più simpatica :D
    tanti cari auguri
    Valentina

    RispondiElimina
  4. Quest'anno ne ho fatte talmente tante che ne ho quasi la nausea...greggi e greggi interi, però sinceramente un mozzico alla tua lo darei ben volentieri!!!Buona Pasqua e alla prossima

    RispondiElimina
  5. wow è perfetta! io non ho mai provato a farle, non ho la forma. la tua ripiena di pistacchio deve essere molto buona! qua ci sono sole tutte di marzapane!

    RispondiElimina
  6. Davvero molto molto bello!!!!!Complimentissimi!!!

    RispondiElimina
  7. ora i biscottini e le staccionate hanno ancora più magia!

    RispondiElimina
  8. e' bellissima!!! Beato chi se la godrà; vorrei essere tra quelli. La farcita Gelsomina dopo pasqua sarà un ricordo, rimarrà la tua bravura ineguagliabile nel dare "vita" ad un'opera così complessa e riuscitissima. Una buona pasqua anche a te! Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Con il marzapane si fanno dei capolavori, il tuo è meraviglioso!!!

    RispondiElimina
  10. Eccola la farcita Gelsomina! :)
    Con il ripieno al pistacchio è sicuramente una goduria.
    Complimenti Tiziana per come l'hai resa più realistica.
    Serena Pasqua!

    RispondiElimina
  11. Ah, ecco a che serviva tutto l'ambaradam! A contenere Gelsomina!
    E quel ciuffetto sbarazzino mi fa scompisciare dal ridere: è bellissimo, gli dà un tocco di simpatia in più.
    Da brava sicula il marzapane non manca mai, eh?
    Brava, come sempre.
    A presto e auguri

    RispondiElimina
  12. Bellissimissima! E anche buonissima ^^
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  13. Ti è venuto benissimo! Sembra proprio quello della pasticceria!

    RispondiElimina
  14. meravigliosa!!quel ripieno al pistacchio mi piace tanto sara' un richiamo alla mia citta'?!! un caro abbraccio Tiziana e una dolce e serena Pasqua a te e famiglia!

    RispondiElimina
  15. Meravigliosa!!!! Non sarò mai in grado di creare dei capolavori simili! Complimenti davvero e... Felice Pasqua!

    RispondiElimina
  16. ma che bellezza questa pecorella.. complimenti!!! super.. buonissima pasqua!!!!!!

    RispondiElimina
  17. wow, che capolavoro! E' bellissima!!!! Un bacione Tiziana e tantissimi auguri! Smackkkkk

    RispondiElimina
  18. Bellissima...e il fiorellino ci sta davvero bene!! Buona Pasqua!!

    RispondiElimina
  19. Non ho parole, sei geniele!
    Come sempre un capolavoro !
    Un abbraccio forte forte e auguri di una serena e felice Pasqua.
    A presto
    Love et bisous Ve

    RispondiElimina
  20. Wow ma questa deliziosa pecorella é bellissima! Cara complimenti sei bravissima! Buona Pasqua anche a te e famiglia :-)

    RispondiElimina
  21. perfetto baci cara, auguri di cuore.

    RispondiElimina
  22. Che meraviglia, questa è arte pura...Buona Pasqua anche a te e famiglia. Ciao.

    RispondiElimina
  23. E' un'opera d'arte! Meravigliosa davvero :-) Ancora abbagliata dallo splendore di questa pecorella pistacchiosa ti auguro una Pasqua gioiosa e serena :-)

    RispondiElimina
  24. Ma ti sono venute benissimo!! Proprio coem quelle che si tovano nelle nostre pasticcerie! Bravissima davvero!!!
    Avevo pensato anche io di postare questa ricetta però non avevo idea di dove poter trovare lo stampo per fare le pecorelle *_*
    Sei stata davvero eccezionale!!!! bravissimaaaaaaaaaaa
    Bacioni ed auguri di buona pasqua!!!

    RispondiElimina
  25. Oggi le ho preparate anche io... ma le mie non sono venute belle come le tue!!!
    Tantissimi auguri di buona Pasqua, un abbraccio a te e a tuo marito. Chiara

    RispondiElimina
  26. E' veramente straordinaria! E poi ripiena con la pasta al pistacchio, che io adoro! Farti i complimenti è poco! Prelevo il tuo banner... sono ancora in tempo??? Buona Pasqua, passala in serenità con la tua famiglia!

    RispondiElimina
  27. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  28. E' stupenderrima, in barba alla grammatica italiana :)) Tra pasta di mandorle e pasta di pistacchio posso andare in delirio! Un abbraccio bella bimba, tantissimi auguri di buona Pasqua a te e famiglia

    RispondiElimina
  29. Bellissima e riuscitissima.. Quasi un peccato mangiarla ma difficile resistere a tanta dolcezza..:-))

    RispondiElimina
  30. Che splendido post, per precisione e fantasia: un trionfo per gli occhi ed il palato... è proprio il caso di dirlo!!!

    Tanti, tanti carissimi auguri anche a te ed alla tua dolce metà, ed un grande abbraccio!

    RispondiElimina
  31. Complimenti per il blog e per le tue creazioni!
    Da oggi ti seguo, se ti va, passa anche tu da me

    RispondiElimina
  32. Che bella!! Buona pasqua anche se in ritardo spero tu abbia passato una bella giornata!!

    RispondiElimina
  33. la farcita Gelsomina ringrazia di cuore tutti tutti per i complimenti ^_^

    Grazie,
    Tiziana

    RispondiElimina
  34. ma è bellissima, dolce nell'aspetto e nel gusto... davvero complimenti!!!
    baci
    terry

    RispondiElimina
  35. è bellissima ma sarà dispiaciuto mangiarla, è troppo carina:-)

    RispondiElimina
  36. Fantastica. Sono affascinata da questi profumi e sapori della tua terra. Brava!

    RispondiElimina
  37. Complimenti Tiziana sei bravissima!
    Bello tutto... ma le pecorelle un'amore.
    Buon fine settimana.
    Antonella.

    RispondiElimina
  38. Ciao ,bello il tuo blog mi sono unita hai tuoi lettori fissi passa ha trovarmi se ti va io sono ISABELLA ti aspetto smack

    RispondiElimina
  39. Bellissima! E quanto deve essere buona con il marzapane e il pistacchio… grazie la inserisco subito nella raccolta!

    RispondiElimina
  40. Ricevo via mail questo commento:

    LUCIA ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "Pecorella di marzapane ripiena al pistacchio":

    SALVE BUONA LA TUA RICETTA PER LA PECORELLA ,MA NE AVEVO LETTA UNA DOVE LO ZUCCHERO SI SCIOGLIE INSIEME AL GLUCOSIO A 90°CHE DIFFERENZA C'è? .SE GENTILMENTE MI RISPONDETE NE SAREI FELICE GRAZIE

    La mia risposta:
    Ciao Lucia, lieta che la ricetta ti possa allettare... la differenza tra quella da me descritta e ciò che tu mi dici, dello zucchero sciolto a caldo con il glucosio, sta in una diversa ricetta. Mi spiego meglio: la pasta di mandorle o martorana, può essere preparata o a freddo - seguendo la mia ricetta - o a caldo. La mia ricetta è a freddo e va benissimo così; la ricetta a caldo invece ti fà ottenere un gusto molto simile ma una consistenza un pò più setosa, è un procedimento più lungo e laborioso che a mio avviso non vale la pena fare dato che il gusto della martorana a me piace così, rustico e con frammenti di mandorla percepibili alla masticazione.
    Spero di essere stata chiara, grazie per essere passata e alla prossima

    Tiziana

    RispondiElimina
  41. ciao hai la ricetta della pasta di zucchero?io l'ho provata a fare con il miele, lo zucchero normale frullato a frullatore e per colorare essenza di carota(dovevo fare l'arancione) come dici anche tu è bello usare pochi ingradiente e semplici e spendere poco invece che conprare colori, glucosio ecc che costano una cifra....isibianc83@pecorelladimarzapane.com

    RispondiElimina

Le tue parole al marzapane sono come una tavolozza di colori, utili per colorare il mondo insieme, pronte a dare vita a nuovi spunti... e sono gradite, sempre!

Gli amici