Ultime dalla casetta al Marzapane

giovedì 17 novembre 2011

A scuola di pasticceria: Pan di Spagna, ricetta base


Oggi prepariamo il pan di spagna senza l’aggiunta di lievito, naturale, perfetto, soffice tanto da divenire la base per moltissime altre preparazioni. Ecco alcuni esempi: Torta Mimosa, Torta Setteveli, Torta alla Frutta, Torta tiramisù, Cake pops, bon bon assortiti, etc...
Per fare un buon pandispagna senza lievito sarà fondamentale montare bene le uova. Per prima cosa bisogna fare attenzione ad utilizzare uova a temperatura ambiente, mai fredde da frigorifero, non sarà necessario separare tuorli da albumi, con l’aggiunta di un pizzico di sale faciliteremo il montaggio a spuma delle uova intere.


Per ogni uovo usato, mediamente utilizzeremo 30 g di zucchero e 30 g di polveri (dove con questa voce intendiamo riferirci a farina, fecola, frumina, amido di mais ed eventualmente cacao in polvere!).
Ricordare questa semplice proporzione vi permetterà di preparare il vostro pandispagna ovunque, senza leggere ricetta, e della grandezza desiderato. Un pandispagna medio, tortiera da 24 cm, verrà preparato con 3 uova. E così via, per una tortiera da 26 cm, le uova saranno 4.
Ricordatevi sempre che, mentre un gourmet può improvvisare, un pasticcere no! Le ricette per preparare dolci perfetti devono essere dosate e bilanciate, per cui armatevi di una buona bilancia pesa alimenti e limitate per quanto possibile le improvvisazioni. La tecnica è fondamentale per la buona riuscita di tutte le basi da cui poi partire per realizzare meraviglie dolci.Come spiega Luca Montersino, sul suo Peccati di Gola, tutta la pasticceria ruota su otto basi fondamentali, imparate queste allora potremo preparare davvero di tutto e il panispagna è un fondamentale della pasticceria.
Nel caso di una torta lievitata, come il pandispagna, dove NON si procede all’aggiunta di lievito chimico, sarà fondamentale far ben inglobare aria al composto, ecco perché la tecnica qui la fa da padrone.

Gli unici ingredienti del pandispagna sono uova, zucchero e farina. Se la ricetta prevede l’aggiunta di burro, l’impasto sarà allora quello della torta margherita. La farina può essere miscelata sia con fecola o amido, sia con il cacao amaro (per ottenere il pandispagna nero o al cioccolato), ma la somma dei pesi deve rimanere sempre uguale.
Ovvero se prevediamo di usare 3 uova, aggiungeremo 90 g di zucchero semolato e 90 g di polveri così ripartite:
Per un pandispagna soffice: 90 g di Farina 00 oppure (TOT 90 g)
Per un pandispagna friabile: 60 g di Farina 00 + 30 g di Fecola/amido oppure (TOT 90 g)
Per un pandisagna nero: 70 g di Farina 00 + 10 g di Fecola/amido + 10 g di Cacao amaro in polvere (TOT 90 g)

Una nota importante è la seguentente, il pandispagna può (anzi, sarà meglio farlo) essere preparato il giorno prima rispetto al montaggio della torta, o alla farcitura dello stesso. È bene che il pandispagna perda la sua naturale umidità, prima di essere tagliato, così da risultare più elastico e lavorabile. Ecco perché può essere preparato con uno o anche due giorni di anticipo rispetto a quando necessita il suo utilizzo.

Perché talvolta il nostro pandispagna collassa al centro? Inglobando aria nell’impasto (o con l’aggiunta di lievito chimico che tende a sprigionare gas in cottura) questa tenderà, con il calore del forno, ad andare verso l’alto e a disperdersi, lasciando all’interno del dolce delle “bolle” che aumentano il volume del dolce stesso. Se si apre il forno a cottura non ultimata, queste “bolle” non ancora intrappolate nella struttura del pandispagna, tenderanno ad andarsene e si comprometterà irrimediabilmente la consistenza della nostra torta. È per ciò fondamentale non aprire mai il forno in cottura, o se la cottura non è ultimata.

Fondamentale risulta sia accendere il forno prima, in modo da averlo ben caldo al momento in cui il pandispagna è pronto ad essere infornato (farlo riposare in tortiera, in attesa che il forno riscaldi, potrebbe portare l’aria inglobata a lasciare il dolce, compromettendo la lievitazione) sia una tortiera ben imburrata e infarinata per scongiurare l’eventualità che a cottura ultimata il dolce non si sforni bene dalla teglia.

Ultima nota va all’uso di “profumi”, il pandispagna non disdegna l’uso ne della scorza di limone ne di una bacca di vaniglia per essere profumato. Sceglieremo la fragranza a seconda della destinazione di questa nostra preparazione di base.

Ricapitolando, per il mio pandispagna nero ho usato:
3 Uova rigorosamente a temperatura ambiente + 1 pizzico di Sale
90 g di Zucchero semolato
70 g di Farina 00 + 10 g di Frumina (amido di frumento) + 10 g di Cacao amaro in polvere (TOT 90 g di polveri)

Preriscaldate il forno, posizione statica, a 170°C. Ungete, io con olio evo viceversa con burro fuso, una tortiera da 24 cm e infarinatela molto bene. In una ciotola capiente, aprite le uova e aggiungete un pizzico di sale. Iniziate a montare con una frusta elettrica, o con l'ausilio di una planetaria



Appena le uova risulteranno spumose, un minuto circa di frusta basterà, aggiungete lo zucchero semolato e continuarte a montare (posizione intermedia della vostra frusta: l’operazione deve essere rapida ma non violenta!)


Continuate a lavorare l’impasto con la frusta per almeno 10/15 minuti. Quando il vostro impasto risulterà ben spumoso, chiaro, sarà pronto; l’impasto deve “scivere” ovvero deve essere talmente cremoso da lasciare il segno come della scrittura su foglio



Unite adesso le polveri miscelate e setacciate (farina e fecola o amido) e amalgamate il composto di uova alle farine con l’ausilio di una spatola (non più con la frusta!). Il movimento deve essere dal basso verso l’alto, deve essere energico ma non violento. Non mescolate in modo diverso, seguite il movimento da basso verso l’alto, l’unico che impedisce all’aria inglobata di lasciare l’impasto


Se desiderate un pandispagna nero, in ultimo aggiungete il cacao amaro il polvere setacciato e continuate a mescolare con la spatola con movimento dal basso verso l’alto



Versate il vostro impasto nella tortiera precedentemente unta e infarinata e ponete il dolce in forno ormai ben caldo per 30 minuti (il tempo di cottura dipende dal vostro forno, per cui controllate di tanto in tanto il vostro dolce). A cottura ultimata spegnete il forno e aprite lo sportello, solo uno spiraglio, ma lasciate ancora il dolce dentro il vano forno per qualche minuto; quindi recuperate la tortiera e lasciate raffreddare bene il pandispagna prima di sfornarlo: se fatto riposare 24 ore, la procedura di tagli e farcitura sarà per voi molto più agevole


Un pizzico di :
Molto spesso, passeggiando per le vie dei blog, resto incantata davanti preparazioni complicate, perfette, che stimolano la creatività, la voglia di fare e di imparare, di mettersi alla prova. Altrettanto spesso però mi chiedo come, chi sta al di fuori di questo mondo - che è fatto di crescita, scoperta continua - riesca a raffrontarsi con le complicate tecniche che stanno alla base di una particolare preparazione. A me sembra di crescere giorno per gorno, provando, sbagliando, e mi fa sorridere ricevere complimenti di persone che definiscono noi foodblogger un passo avanti (!). Mi fa sorridere perché se mi proieto a ieri, mi rivedo goffa nel tentativo di montare un pandispagna senza lievito. Questa mia nuova rubrica, A scuola di pasticceria, vuole riavvicinare il mondo talvolta patinato dei blogger, alla massaia tipo che si appresta le prime volte ad una sperimentazione che la porterà in seguito ad esultare delle sue conquiste.
Chi l’ha detto che fare un buon pandispagna è semplice? Non lo è affatto, ma saperlo fare bene permette poi di accedere a tutta una serie di preparaziponi dove questo – il pandispagna – diviene solo la base. Mi piacerebbe, oltre a mostrare qui su PdM i miei successi (più o meno recenti in cucina) avvicinarmi a chi ha voglia di scoprire: imparare per insegnare e spero tanto che il mio lavoro risulti utile a tutti quei visitatori silenti che ogni giorno passano a trovarmi, a loro (in particolare) è dedicata questa nuova rubrica!

62 commenti:

  1. Questo post mi interessa moltissimo!! Io sono capace di far venire basso e secco il pan di spagna con l'aggiunta del lievito...quindi non oso immaginare cosa combinerò senza :-)) Comunque proverò la tua ricetta e ti farò sapere. Grazie ;-))

    RispondiElimina
  2. io lo faccio spesso senza lievito e devo dire che mi viene abbastanza alto! il ken aiuta molto immagina a mano come facevamo prima! un bel lavoro! post utilissimo! ciaoo

    RispondiElimina
  3. Invece a me viene quasi sempre la montagna al centro, che p....!
    Ma perchè secondo te?

    RispondiElimina
  4. Invece a me viene quasi sempre la montagna al centro, che p....!
    Ma perchè secondo te?

    RispondiElimina
  5. Ciao ragazze *_* grazie per la visita e per l'apprezzamento di questa nuova avventura, di ricette base!

    Gloria, forse inglobi troppo velocemente aria. L'operazione per moltare a schiuma le uova deve essere veloce, ma non troppo rapida. In più la temperatura del forno non deve essere eccessiva. Io ho parlato di 170 gradi, ma puoi scendere fino a 150, aumentando un pò il tempo di cottura. Se il forno è troppo caldo, l'aria (o i gas dati dall'uso del lievito) tenderà di botto a "salire" lasciandoti la montagna al centro. Usa le fruste nel modo più omogeneo possibile, girando per tutto il perimetro della ciotola con lo sbattitore. Vedrai che cambiando uno di questi parametri: o tempo di montaggio, o energia dello sbattitore, o calore del forno, il tuo pandispagna si regolerà di conseguenza!

    Tiziana

    RispondiElimina
  6. Ciao friend!Che post interessante e meraviglioso, complimenti!Lo ammetto,non ho mai provato a fare il pds, mi incute un certo timore ... il tuo è bellissimo!Mille baci

    RispondiElimina
  7. grazie di cuore di questa ricetta basic e del passo passo!!!! un bacione

    RispondiElimina
  8. Ti è venuto benissimo.Il trucco sta proprio nel montare le uova a lungo..io infatti non uso il lievito...ma monto le uova per 15 minuti.

    complimenti.

    ciao

    RispondiElimina
  9. wao.....interessantissimo....grazie...

    RispondiElimina
  10. lina pasticciincucinanovembre 17, 2011 3:38 PM

    ciao Tizi,qst post e' interessantissimo,seguiro' i tuoi consigli perke' io sono negatissima a preparare il pan di spagna con il lievito,immagina senza,,,ti abbraccio...lina pasticciincucina

    RispondiElimina
  11. ciao Titty!
    che bel pan di spagna!!!
    io uso sempre la ricetta vista e imparata alla prova del cuoco da sal de riso!

    RispondiElimina
  12. bravissima, anche io sono della scuola della semplicità :))

    Il pan di spagna sembra proprio perfetto!

    RispondiElimina
  13. Mi piace questa nuova rubrica, per me sarà utilissima. Poi hai spiegato molto bene evidenziando i passaggi con le foto.
    Brava!

    RispondiElimina
  14. proprio un bel reportage; tempo fa ho scoperto la castella giapponese che si fa in maniera simile ma colorando con il matcha ed è buonissima e sofficissima. un abbraccio

    RispondiElimina
  15. ora lo stampo e bimbe permettendo ci proverò...anche le foto sono bellissime=)))avrei affondato volentieri un cucchiaino nell'impasto con il cacao..gnammmm^__^

    RispondiElimina
  16. Non ho mai perovato senza lievito.....e a volte il lievito chimico si sente nella preparazione fineale!
    Proverò

    francesca

    RispondiElimina
  17. Ciao carissima, grazie! Post molto interessante e godurioso perchè in quella ciotola mi ci tufferei! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  18. Spiegazione perfetta, pds bellissimo! Complimenti! Anche io quando faccio il pds tendo a farlo senza lievito (anche se non sempre mi viene.... boh!).
    Allora aspetto le prossime ricette "base"!

    RispondiElimina
  19. E"da tanto che non preparo il pandispagna, mi hai fatto venire voglia! Hai dato delle spiegazioni chiare ed utili!Ciao

    RispondiElimina
  20. Grazie, davvero interessante e spiegazione perfetta. Perfetto anche il tuo pan di spagna. Bravissima! Babi

    RispondiElimina
  21. Molto bella la tua ricetta, poi è precisa e dettagliata.. Proprio vero che per una buona riuscita serve una buona base, e quando farò una torta che lo prevede seguirò sicuramente la tua preparazione. Un bacione!

    RispondiElimina
  22. Interessantissimo post tutto alla perfezione!! bravissima cara
    Un'abbraccio e buon w.e
    Anna

    RispondiElimina
  23. fantastica e molto dettagliata ricetta!
    complimenti sei bravissima ^^

    RispondiElimina
  24. E' quello che sostengo da sempre anche io...
    Bellissime foto!

    RispondiElimina
  25. Che ideona grandiosa la scuola di pasticceria!!!
    Non vedo l'ora che arrivi il prossimo post... chissà se sarà la torta sette veli GNAM!!!
    bacioni, Chiara

    RispondiElimina
  26. bello questo post ben spiegato e fotografato complimenti

    RispondiElimina
  27. bellissime foto e molto utile il procedimento.
    foodblogger o no, non è detto che tutti/e conoscano le ricette basi e spiegarle e ricordarle non guasta mai!

    RispondiElimina
  28. Ciao complimenti davvero tutto elaborato e le foto sono uno spettacolo :-))

    RispondiElimina
  29. Una vera bontà, complimenti !! un bacio Maria Grazia

    RispondiElimina
  30. Grazie x i preziosi consigli!
    Ciao a presto mauro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Mauro, per essere passato ed avermi lasciato un segno *_* mi ha fatto molto piacere
      Tiziana

      Elimina
  31. complimenti per quello che pensi e scrivi!!

    RispondiElimina
  32. Grazie per i preziosi consigli...ma ho una curiosita',
    si puo' usare il cioccolato fuso invece del cacao?
    Perche' mi sono accorta di averne una barretta in casa e vorrei usarlo ma non so come :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia, lieta che i miei consigli ti possano essere utili ^_^
      No, il cacao deve essere in polvere e deve sostituire una parte delle "polveri" usate nella miscela farina/fecola o amido.
      Se usi il cioccolato in barretta, la consistenza della tua torta cambia e non avrai più il pandispagna ma verosimilmente una buona torta margherita

      Tiziana

      Elimina
  33. Mah..visto che hai detto "buona" quasi quasi provo :)
    Grazie!

    RispondiElimina
  34. Risposte
    1. Grazie a te Valeria, e a tutti, per i commenti che spingono a dare sempre il massimo: lieta che le mie ricette possano risultare utili :)

      Elimina
  35. Complimentissimi per la chiarezza e per i tuoi preziosi suggerimenti! Condivido in pieno quando detto sui food-blogger. Hai fatto un ottimo lavoro! brava!

    RispondiElimina
  36. grazie, grazie, grazie! ho seguito i tuoi consigli e il risultato è stato ottimo!!!

    RispondiElimina
  37. Ciao sono Marta, vorrei una delucidazione su come aromatizzarlo alla vaniglia.. mica ci posso mettere il bacello e lasciarcelo dentro :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marta, ho notato il tuo commento solo ora... talvolta blogger fa i capricci e non mi segnala in tempo reale: perdona il ratdo con il quale ti dò risposta. Il baccello di vaniglia deve essere intaccato con un taglio in verticale, all'interno trovi i semini (neri) e sono quelli che in buona sostanza regalano l'aroma. Spero di esserti stata ugualmente utile anche se con tanto ritardo,
      Tiziana

      Elimina
  38. Ciao sono Max, lasciati fare i complimenti da uno chef. Davvero brava e meticolosa nelle spiegazioni , complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Max, i tuoi sono complimenti che mi rendono felice... lungi da me essere una professionista o solo pensarlo, ma amo ciò che faccio e se ti è arrivato, tu che sei del "mestiere", allora per me è davvero soddisfazione :) grazie
      Tiziana

      Elimina
  39. ciao sono mery, ho usato la tua ricetta ma mi viene bassissima e' dura perchè?

    RispondiElimina
  40. scusami ma per una tortiera di 28 cm quante uova?

    RispondiElimina
  41. ricordate che se le uova hanno il tuorlo molto rosso, l'impasto non sarà mai davvero bianco...

    RispondiElimina
  42. Ho testato le tue ricette diverse volte: il pandispagna è venuto sempre ottimo! =D Domani ne realizzerò uno senza glutine! Hai consigli a riguardo?

    RispondiElimina
  43. bravissima!!!! mi sembra gustosissima....domani la proverò per vedere il mio primo pds come verrà!!! volevo fare una bella torta di compleanno al mio ragazzo...decorandola poi con panna....avresti qualche consiglio da darmi??? grazie mille...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao ;) scusami se ti rispondo solo ora, ma alla fine la torta al tuo ragazzo l'hai fatta?! Comunqua un consiglio fondamentale per il pandispagna, a parte la farcia che scegli, è sicuramente la bagna: più bagni il pandispagna e meno risulterà stopposo, ma più gustoso da mangiare
      Tiziana

      Elimina
  44. Nonostante io abbia lavorato le uova a lungo e non abbia aperto il forno, verso metà cottura il pds era altissimo e esultavo per tutta casa... gli ultimi dieci minuto è collassato al centro -.- Come mai secondo teeeeeee? p.s. Complimenti per il blog! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, è strano che ti sia collassato al centro se era ben lievitato e non hai aperto il forno. Una possibilità è che la temperatura del tuo forno non era abbastanza alta (ogni forno lavora diversamente, forse a 170° gradi per te è poco... riprova alzando almeno a 180°C la temp) e si è cotto bene ai lati ma maluccio al centro... poi la pesantezza ha fatto il resto

      Elimina
  45. formidabile il tuo sito! ho letto quasi tutto!

    RispondiElimina
  46. l'unica ricetta vera sul pan di spagna, provate solo questa le altre non contono, a me dopo tanti errori dati da ricette sbagliate ora mi viene benissimo, se volete chiedetemi pure isibianc83@pecorelladimarzapane.com

    RispondiElimina
  47. :
    * تنظيف الخزانات فزهرة الخليج افضل شركة تنظيف خزانات بالدمام وبالمملكة تستخدم افضل مواد غسيل الخزانات
    *تنظيف المنازل والشقق فزهرة الخليج شركة تنظيف منازل بالدمام و افضل شركة تنظيف شقق بالدمام لديها عمالة فنية مدربة على كافة اعمال التنظيف
    * تنظيف الفلل بالدمام تقدم افضل شركة تنظيف فلل بالدمام تقوم بتنظيف المساحات الواسعة باسرع وقت وباجود المنظفات
    * تنظيف السجاد والموكيت فشركتنا افضل شركة تنظيف موكيت بالدمام تقوم بتنظيف سجاد وموكيت المجالس العربية
    * تسليك المحارى من اهم خدمات شركة زهرة الخليج فهى تستخدم سيارات تسليك المجارى وافضل مذيبات الدهون فزهرة الخليج تعد افضل شركة تسليك مجارى بالدمام

    RispondiElimina

Le tue parole al marzapane sono come una tavolozza di colori, utili per colorare il mondo insieme, pronte a dare vita a nuovi spunti... e sono gradite, sempre!

Gli amici