Benvenuti nella mia cucina al marzapane Tiziana
puoi seguirmi su:
grazie per essere passato e ricorda
i tuoi commenti alimentano il mio blog!
chef per un mese: Vince per il mese di Maggio Angela del blog Verzura, intervistata su SdG... il prossimo potresti essere TU, partecipa

lunedì 26 settembre 2011

Occhi di bue: biscotti in bicromia di gusto


Mia nonna, il ricordo di lei e di quando trovavo casa sua fragrante di biscotti. Questo ho pensato qualche tempo fa (perché in questo spazio i miei momenti vengono differiti seguendo gli impegni), nel desiderio di mettere a tavola una colazione domenicale, curata, sentita, lenta. Perché almeno la domenica bisogna recuperare il tempo, nello scorrere calmo delle ore serene.

Di recente mi è capitato di ascoltare alla radio, per voce di Dr. Feelgood – dato che solo lui al mattino ascolto e Virgin è sulla mia frequenza preferita – l’incredulità di una scena: la famigliola amorevole, stucchevole quasi, raccolta intorno al focolare domestico per far colazione. Questa visione definita forse un po’ troppo finta e forse solo da relegare agli spot televisivi.

Ebbene, mi ribello al pensiero perché alla fine la serenità, la tranquillità e solo in parte la felicità – tenuta da parte la buona fetta destinata al caso – sono tutte costruzioni date dalle nostre azioni, a mio parere. Se voglio una casa serena, devo lavorare per esserlo io; se voglio una colazione da spot – sentendola vera e molto mia – devo lavorare perché le sane abitudini non smettano di albergare in casa (intesa come famiglia, la home e non la house).


Così, sono certa che fin quando la volontà sarà salda riusciremo sempre a ritagliarci un momento solo per noi, PaNa family, nella casetta al marzapane o fuori, nel desiderio di fermare lo scorrere incessante degli appuntamenti, davanti una colazione domenicale che sia curata, elegantemente apparecchiata e dolce da far venire le carie… a noi dolce piace!

Buon inizio settimana a tutti.

Nota: biscotti realizzabili con una semplice frolla, da me rivisitati secondo l’impasto di casa mia. Un impasto classico, per il gusto siciliano, in cui il burro è sostituito dallo strutto e una parte di “umidità” è data dal latte. Impasto, ancora, che risiede nella mia memoria come racconto all’inizio di questo scritto, perché arriva dalle mani di mia nonna. Usato per i classici pupi con l’uovo, per i meno soliti ravioli e per i tradizionalissimi buccellati.


Nella borsa della spesa:
500 g di Farina 00
150 g di Strutto
150 g di Zucchero
½ bustina di Lievito
½ Limone, la scorza grattugiata
120 g (circa) di Latte intero

Per decorare:
Zucchero a velo

Per farcire:
Nutella
Fiordifrutta alle arance amare (o secondo il vostro gusto)


Vi racconto il “come fare”:
Disponete la farina a fontana e miscelatela con lo zucchero, la scorza di limone grattugiata, il lievito. Aggiungete lo strutto a pezzetti e iniziate ad amalgamare questo con la farina fino a creare la classica sabbiatura che si ottiene quando si prepara la pasta frolla: le polveri miscelate allo strutto si presenteranno con la consistenza di sabbia bagnata. A questo punto continuate ad impastare con l’aggiunta del latte tiepido, procedete gradatamente fino ad ottenere un impasto omogeneo. Più si lavora, più lo strutto tenderà a rilasciare l’unto rovinando l’impasto per cui, così come la pasta frolla, la lavorazione deve essere veloce. Non è necessario, ma se avete tempo per far riposare al fresco l’impasto sarà più facilmente lavorabile. Preriscaldate il forno a 180°C e intanto stendete la pasta con il mattarello fino ad ottenere uno spessore di 1 cm. Ritagliate dalla pasta stesa dei dischetti con un coppapasta (o se non ne possedete uno, con un bicchiere). Procedete a ritagliare i dischetti fino ad esaurimento dell’impasto. Poi su una metà dei dischi, praticate in centro un forellino più piccolo. Disponete i biscotti su una placca da forno unta o ricoperta da carta da forno, e cuocete in forno caldo per circa 20 minuti, fin quando risulteranno dorati.
Attendete che si raffreddino, poi condite la parte intera (il disco pieno) dei biscotti con marmellata (nel mio caso, fiordifrutta della Rigoni di Asiago) o nutella. Decorate la parte forata (il disco con il secondo buco in centro) con dello zucchero a velo e usate questa metà per “chiudere” l’occhio di bue. Conservato in una latta ben chiusa, mantengono la fragranza per diversi giorni.


© riproduzione vietata

28 commenti:

  1. quanto mi piacciono questi biscottini!!ed in queste due versioni poi..

    RispondiElimina
  2. arrivooooooo!!! io porto il caffé:-)))

    RispondiElimina
  3. Condivido in pieno le tue riflessioni, se poi sono addolcite da questi biscottini .. gnam!Anch'io ho fatto dei biscotti ieri ma mi sono venuti sfigatissimi :( , ho rimediato intingendoli nella Nutella ;) Un grande abbraccio

    RispondiElimina
  4. voglio farli anch'io, ho la casa piena di marmellata! brava!

    RispondiElimina
  5. sai che sono i miei preferiti?? non li faccio da un bel po..si ci puo' sbizzarrire con le farce e coccolarsi a go go...
    Una casa rappresenta il miglior rifugio se la si riempie di serenita' lasciando fuori dall'uscio tutta la negativita'..bacioni

    RispondiElimina
  6. Davvero deliziosi, sono molto invitanti!!!

    RispondiElimina
  7. Hai ragione. Se si vuole essere sereni basta volerlo.
    Io per ora voglio fare questi biscotti.

    RispondiElimina
  8. Praticamente perfetti, bravissima ciao
    felice settimana

    RispondiElimina
  9. Io adoro i biscotti, e mi vengono sempre delle chiaviche, questi sono perfetti !!!

    RispondiElimina
  10. Cara Tiziana , ma lo sai che cercavo la ricetta??!!
    bravissima me la copio
    baci Anna

    RispondiElimina
  11. Sniff sniff...ne sento persino il profumo! Adoro i biscotti alla marmellata!!

    RispondiElimina
  12. Ho sempre adorato questi dolcini e ora tu hai messo la ricetta! li farò appena posso! :) bravissima..

    RispondiElimina
  13. Ciao Tiziana è da un pò che nn passo a trovarti.
    Spero tu stai bene... a giudicare da questi biscotti anti-famigliola fasulla del mulino...credo di si. Chissà se il nostro amico B. fa colazione con qualche biscottino... non sia mai che gli vadano di traverso =)
    Un bacione, Chiara

    RispondiElimina
  14. bellissimi questi biscotti, non saprei proprio quale ripieno scegliere! bacioni

    RispondiElimina
  15. Condivido tutte le tue riflessioni tesoro e trovo questi biscotti ancora più speciali perchè pieni d'amore. Mi sono sempre piaciuti un sacco e da piccina mi piaceva giocare alle signore in loro compagnia davanti ad una tazza di tè :) Un bacione, grazie per il bellissimo commento che mi hai lasciato :-*

    RispondiElimina
  16. ma sono buonissimi...li mangerei volentieri!

    RispondiElimina
  17. Come ogni cosa bisogna lavorarci per che si concretizzi, niente o quasi succede per caso.
    I tuoi biscotti mi hanno ricordato l'infanzia. Un caro saluto. :)

    RispondiElimina
  18. due versioni golose...quanto devono essere buoni questi biscottini,complimenti!!!

    RispondiElimina
  19. che biscottini pieni d'amore! una vera meraviglia! devo provarli anch'io! un bacio :)

    RispondiElimina
  20. Sai che adoro gli occhi di bue ma non li ho mai fatti???? Mi mancano gli stampini, ma devo assolutamente rimediare. I tuoi hanno un aspetto così delizioso che mi hai fatto venire voglia!!

    RispondiElimina
  21. impazzisco per questo genere di biscotti :-)

    RispondiElimina
  22. Non c'è niente di più bello per me della colazione della domenica!!!! Con calma, tutti insieme.....che spettacolo!!! E che spettacolo i tuoi biscotti!!!! Ciao, un bacio!!

    RispondiElimina
  23. Come dicevo da bambina "gueliziosi"!! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  24. complimenti per i tuoi biscotti e sono daccordissimo con te, bisogna impegnarsi molto per tenere la famiglia unita intorno ad un tavolo, gli impegni e le distrazioni ci rubano il tempo migliore.

    RispondiElimina

Le tue parole al marzapane sono come una tavolozza di colori, utili per colorare il mondo insieme, pronte a dare vita a nuovi spunti... e sono gradite, sempre!

Translate

Gli amici