Benvenuti nella mia cucina al marzapane Tiziana
puoi seguirmi su:
grazie per essere passato e ricorda
i tuoi commenti alimentano il mio blog!
chef per un mese: Vince per il mese di Maggio Angela del blog Verzura, intervistata su SdG... il prossimo potresti essere TU, partecipa

martedì 21 giugno 2011

Rotolo di kamut con fiordifrutta cranberry, addii e parole… e ricominciare


Al mirtillo di palude, fiordifrutta della Rigoni di Asiago, per ricominciare. Un rotolo, servito su un vassoio meraviglioso, quello della linea Biarritz di Laboratorio Pesaro, che mi lascia superare una fase, che segna la rinascita e una vittoria. Non mi sono mai cimentata in questo tipo di preparazione, la pasta bisquit mi ha sempre un po’ bloccata. Eppure è facile, penserete, ma davvero fa parte di quelle preparazioni che pensi “sì, prima o poi” e poi le rimandi sempre come se avessi paura di sbagliare.


Ho provato a vincere quel timore verso questo impasto e ho vinto un rotolo in kamut e fiordifrutta che mi permette di riprendere il racconto dal punto in cui lo avevo lasciato. Già, perché da un mese ormai la mia dieta è cambiate radicalmente e finalmente abbiamo compreso (io, il buongustaio preoccupato e la mia nutrizionista preparata) cosa mi faceva stare male. Tra latticini e frumento, le rinunce sono tante (il cammino in eterna salita) eppure il kamut si presta ad essere una valida alternativa che mi concede tregua alla stanchezza esistenziale di una vita condotta al lumicino della ferritina. Forse l’anemia ha smesso di correre e vuol farsi raggiungere placando i miei affanni.


Il blog è stato dormiente in questo periodo della mia vita, ho scritto poco, pubblicando ricette già pronte che tenevo in caldo per quando avrei avuto meno tempo o poca voglia di cucinare… smettendo di narrare ciò che veramente accadeva in quella mia casina al marzapane. A distanza di un mese e sette kg meno, perché il mio metabolismo massacrato da alimenti che non mi facevano vivere bene ora si è riscosso, al galoppo in groppa al kamut, riacquisito sorriso e voglia propositiva verso la cucina (mia, vostra, in generale) riprendo a pasticciare con in mano gli stumenti del mestiere (nella seconda foto, la spatola Le Creuset).


Cambiano gli ingredienti, mi sono detta, ma non deve cambiare la tua essenza che in PdM sventola bandiera e progressi. Così, perdendo amicizie in erba che non hanno compreso il mio disagio esistenziale, con un carico di nuova voglia e il desiderio di dimenticare l’essere stata etichettata per quella che non sono, rieccomi. Riparto da questo slogan: qui si mangia kamut!

E non è stato ne per invidie, ne per gelosie, ne per snobbare, se sono sparita un po’ dalla piazza. Voi che non mi conoscete lo avete ben compreso, non ho proferito parole ne scritto nulla che lasciasse trapelare il mio malumore davanti a piatti elaborati che forse non potrò più mangiare. Eppure, silenti, avete continuato a commentare una PdM dal sorriso spento, dalla verve ridotta a fil di voce e di parole. Mi spiace solo che da sconosciuti ho ricevuto calore, da conosciuti ho ricevuto ingiurie e incomprensioni che non mi interessa più chiarire… ma la vita è anche questo: sapersi rialzare e dire ad alta voce “cosa poi dovrei invidiare?”

LilySlim Diet days tickers

Nella borsa della spesa:
3 Uova
30 g di Farina di kamut
50 g di Fecola di patate
100 ng di Fruttosio (o 120 g zucchero)
1 pizzico di Sale
½ Limone, la scorza

Per farcire:
1 barattolo di Fiordifrutta cranberry

Per decorare:
Zucchero di canna, a velo

Vi racconto il “come fare”:
Preriscaldate il forno a 150°C, intanto separate i tuorli dagli albumi. Mettete un pizzico di sale sugli albumi e montateli a neve ben ferma. Con una frusta manuale, montate i tuorli con il fruttosio, o se preferite con lo zucchero tradizionale, fino ad ottenere un composto spumoso da versare sugli albumi montati a neve. Con una spatola, la mia è Le Creuset, dal basso verso l’alto per evitare di smontare gli albumi, amalgamate i due composti quindi aggiungete la farina e la fecola setacciate. Per ultimo aggiungete all’impasto la scorza di limone grattugiata e mescolate bene con la spatola. L’impasto dovrà risultare molto morbido e schiumoso. Foderate la placca da forno con carta da forno, versate l’impasto - livellandolo con la spatola - sulla carta e infornate per 15 minuti circa in forno già caldo. Inumidite uno strofinaccio e appena la pasta bisquit sarà cotta, capovolgetela sul panno umido. Condite con il Fiordifrutta cranberry e avvolgete la pasta a formare il rotolo. Sigillatelo con il panno umido, avvolto intorno al rotolo ben stretto e attendete che il dolce si raffreddi prima di riaprire l’involucro. Servite a fette cospargendo prima con zucchero a velo, meglio se di canna. Ottimo servito dopo qualche ora di riposo al fresco, in frigorifero.
...questa ricetta ha partecipato ad un contest per saperne di più clicca QUI

48 commenti:

  1. Io uso spesso la farina di kamut perché mi piace moltissimo e, cara Tì, il tuo primo rotolo è assolutamente meraviglioso! Sono contenta che il sorriso e la voglia di cucinare siano ritornati nella mia adorata casetta di Marzapane..non permettere che qualsiasi cosa o persona che non meritano nemmeno uno sguardo, turbino l'inizio di una nuova serena esistenza. Un bacione grande!

    RispondiElimina
  2. Anche io non ho mai fatto la pasta bisquit....e mai usato la farina di Kamut....ma il tuo rotolo mi fa proprio venire una voglia di farlo!!!!! veramente goloso...
    Mi spiace per il tuo periodo no...e anche che la gente che ti dovrebbe stare piu' vicino invece abbia proprio fatto il contrario...
    ti abbraccio!!!
    ciaoo

    RispondiElimina
  3. Bravissima, non mollare esistono tantissimi ingredienti da poter mangiare e pasticciare!!!! un bacione grandissimo!!!

    RispondiElimina
  4. carissima mi spiace molto per il periodo che hai trascorso e sono contenta di leggere che stai ricominciando!!
    Devo dire che sei ripartita alla grande con questo favoloso rotolo!
    Ho anch'io della farina di Kamut e non ho ancora deciso come utilizzarla, sono però timorosa come te nella preparazione della pasta bisquit!! bacioni e a presto ^_^

    RispondiElimina
  5. e brava pecorella!!!! Mi sembra un ottimo punto di partenza... da qui, sempre avanti!!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. In bocca al lupo, la ferritina prima o poi si ferma a prender aria e la becchi, tranquilla. Cambiare alimentazione è drammatico, quasi come ritrovarsi improvvisamente in un paese straniero con la faccia da belinona "Eh mo? Che faccio?", uguale...tieni duro, i risultati ci sono. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Nonostante non abbia intolleranze adoro il kamut e specialmente la pasta fa spesso parte della mia cucina...Sono felice che stia uscendo piano piano da un periodo buio e sono sicura che tutto questo ti renderà sicuramente più forte!! Ci conosciamo poco ma dai tuoi post appare una persona semplice e genuina come questo rotolo magnifico che proverò sicuramente...Ti abbraccio!!

    RispondiElimina
  8. che dire se non tanti auguri per la tua nuova vita. questa ricettina è deliziosa e il rotolo è perfetto. un abbraccio carissima, per la tua determinazione e forza di animo sei un esempio da seguire

    RispondiElimina
  9. Ho letto tutto con molta attenzione :)
    Ti abbraccio fortissimo, capisco bene il significato di quello che dici parola per parola.

    Ciò di cui non mi dò pace è il perché si salti a conclusioni affrettate senza chiedere il perché: dovrebbe essere semplice pensare "se è quasi sparita dalla circolazione magari non sta bene, chiediamole perché". Mi sono resa conto che questo ragionamento molto semplice è anche molto difficile da elaborare.
    Un bacione cara :)

    RispondiElimina
  10. Carissima Tì.. si sentiva sempre più bassa al tua vocina e solo ora mi rendo conto che ogni tanto pensavo "...ma la pecorella..?"
    Sono contenta anzitutto del tuo risultato del primo mese, e poi anche della tua nuova posizione di fronte ai vecchi cosiddetti amici ;)
    A volte questi giri di boa delle nostre vite, si lasciano alle spalle anche qualche "appendice" (leggi persona) diventata ormai inutile.
    ci vuole una bella raccolta sul kamut, anche se mi pare qc l'abbia già fatta lo scorso anno, ma puoi fare ad esempio kamut senza latticini.. chissà, inventiamo tutte qualcosa di specifico per te!
    un abbraccione!!!

    RispondiElimina
  11. Ciao Tiziana, si dice che quando si qiude una porta, da qualche parte ti si apre una finestra.Magari non e facile trovarla, ma con pazienza e coraggio si fa tutto.Una ricetta tutta da copiare.

    RispondiElimina
  12. Mi sembra lo spirito giusto per ripartire alla grande. Cambiare le proprie abitudine e stile di vita è sempre difficile all'inizio ma quando ci si accorge di stra meglio tutto diventa più facile. Fortunatamente non soffro di intolleranze ma il kamut lo adoro, dal cereale alla farina. Il tuo rotolo è splendido e goloso. Un bacione tesoro, buona serata

    RispondiElimina
  13. allora aspettiamo tante nuove ricette con questo ingrediente che speriamo ti faccia stare davvero bene!!..questo rotolo sembra delizioso!tanti auguri, a presto.

    RispondiElimina
  14. Cara Tiziana, ci spiace per il tuo momento no, ma sicuramente saprai riprenderti, traspare la tua forza di volontà da quello che scrivi! Ti facciamo tanti auguri e ti lasciamo con questa frase:QUELLI CHE TI CRITICANO SONO QUELLI CHE TI VORREBBERO DIVERSA, PERCHE' VEDONO IN TE QUELLO CHE LORO NON SARANNO MAI! Un abbraccio

    RispondiElimina
  15. "Per ogni problema una soluzione c'è sempre", bello scoprire dal tuo blog che questa frase è vera! Che vi sia un ingrediente o un altro nell'impasto nulla cambia, a quanto vedo dalle fotografie le tue mani sanno fare comunque sempre magie!!!
    Direi che ti meriti un 10 per la positività ed io mi meriterei una fetta di torta per l'appoggio morale ;)
    un Sorriso... anzi due Sorrisi!!!

    RispondiElimina
  16. è una gioia per gli occhi, e sicuramente anche per gli stomaci!!!! uso spesso il kamut, ultimamente l'ho introdotto anche nelle ricette salate, mentre prima lo usavo solo nei dolci, visto il saporino quasi nocciolato e tostato. ottimo per pastelle e impasti di torte salate/pizza!

    RispondiElimina
  17. Che posso dirti , non ti conosco da molto tempo , ho letto con molto interesse il tuo post e capisco che hai passato un brutto periodo , io spero che quel velo di "tristezza" e malessere passi in fretta alla luce di questa nuova dieta .. veramente non so che altro dirti se non che a me piace fare esperienze culinarie a prescindere da intolleranze ,allergie e quant'altro , dicevo poco fa ad un'altra blogger che ho cambiato anche io dieta ( non per intolleranze) perchè mi sono resa conto che stavo male con me stessa , così decisi di perdere peso semplicemente cominciando a mangiare in modo più sano senza per questo rinunciare al gusto .. molti non capiscono e mi hanno detto di tutto (compreso che sarei anoressica) ma non capiscono che avevo passato un certo peso e non stavo affatto bene e non uscivo più e via dicendo , ma credo che anche se cose diverse ti hanno portato ad una dieta puoi perfettamente capire il mio stato d'animo . Un bacione e scusami se sono stata prolissa e forse fuori luogo , ma a volte viene proprio voglia di parlare .

    RispondiElimina
  18. Ecco ragazze, era esattamente quello che pensavo mentre di getto, questa mattina, lasciavo fluire i pensieri e quel pizzico di negatività che mi ha avvolta in questo mese e più volto alla rinascita!
    Le persone lontane, talvolta sono anche le più vicine e le persone che senti vicine alla fine non colgono appieno la vera te… se stacchi la spina e non si fermano a domandarsi perché. Meglio credere che sei marcia, che vuoi fare del male deliberatamente e che sei capace di sentimenti nefasti. Ma questa non sono io… anche se mi piace di quando in quando rifugiarmi in spazi di mondo solo miei.
    @Ornella, ti adoro. Leggerti mi ha sempre fatto bene all’anima fin dall’inizio e sei la persona che vorrei più vicina, perché ti sento vicina al mio cuore. Grazie mia carissima
    @Nicoletta, hai un nome bellissimo e bellissime parole hai dedicato a me. Lieta di conoscerti meglio e di poterti offrire una voglia nuova di condivisione
    @Olga, grazie per esserci e per le tue parole. Certa, oggi più di ieri che di ingredienti per la felicità ne esistono tanti
    @Puffin, ricominciare alla grande con voi mi allieta e mi completa. Grazie, spero che vorrai provare questo rotolo che ha portato una ventata di nuovo nella mia casetta
    @piccoLINA, allo start si ha sempre tanta energia. Ora so che condividere anche i momenti no con persone straordinarie come voi non può che farmi bene
    @Tinny, mi sento molto più vicina al mondo glutenfree e la cosa, se penso a te e Elena, non mi dispiace perché siete un bell’esempio da seguire. Grazia mia cara
    @Patrizia, anche se ci conosciamo ritrovo in te tanta genuinità. E le tue parole, care e sentite, mi regalano immenso piacere
    @Stefania, per tanto tempo sono rimasta silente e se oggi vi ho raccontato di questa nuova vita è proprio perché vorrei un giorno essere da esempio… lo stesso che tu citi. Grazie per le tue parole
    @Felix, e così adesso sai perché ci tenevo tanto ad intervistare te e Cappera. Avevo bisogno di farvi conoscere e di conoscervi io stessa, per trarre forza e coraggio anche da voi. Siete riuscite a darmi tanta energia e voglia di svoltare. Grazie di cuore
    @Cinzia, era strano passare per le vostre cucine a lasciare commenti senza sorrisi. Ma voi, le cucine virtuali che da sempre seguo, siete sempre stati lì, accanto a me. Non solo nel mio blogroll, ma accanto a me… e questo è importante. E sulla raccolta, beh… mi farebbe felicissima, sì
    @Lilly, l’importante è allora trovare sempre la via d’accesso. Bello! Sappi che la mia porta virtuale sarà sempre aperta e pronta ad accoglierti
    @Federica, già conosci ciò che penso su di te. Mi sei troppo simpatica, mi sembri una bellissima anima e ti sento vicina. Oggi più che mai con le tue parole, e davvero è così: stare meglio spinge a continuare
    @spuntiespuntini, da oggi cercherò di impegnarmi nel fare bene con questo cereale. Grazie per l’incoraggiamento
    @Nany e Lolli, questa vostra frase la inciderò sul cuore. Bellissime parole che oggi sento mie!
    @Sorriso, con i due sorrisi mi hai dato 30 e lode di felicità… che è molto più di 10!! Ti ringrazio di cuore
    @Patapata, ecco questi sì che sono meravigliosi consigli e la spinta a provare e riprovare
    @Housewives, le parole non sono mai fuori luogo. I silenzi sì, le non spiegazioni sì, ma le parole garbate e la voglia di dire, mai! Sono lieta che tu abbia condiviso con me questi pensieri che credimi comprendo benissimo e mi sento solo di dirti che meglio di te, nessuno può sapere cosa può farti stare bene. Io lo sto scoprendo giorno dopo giorno

    A tutte, il mio abbraccio più caloroso e un rinnovato e corale grazie!

    RispondiElimina
  19. anche io questo tipo di dolce mi frena,anche io come te sono un pò "spaventata" perchè quando ho provato a farlo non sono rimasta soddisfatta,ma ci riproverò fino a quando non riuscirò a trovare le dosi giuste,il tuo è fantastico perfetto e quindi di sicuro ottimo,
    ciao buona settimana

    RispondiElimina
  20. cara Tiziana, la cattiveria purtroppo fa parte della vita. Una piccola ripresa, quella che magari si aspettava da tempo e che rappresenta una boccata di ossigeno dopo tanta apnea spesso negli altri suscita invidie. La gente ti è amica e spende parole buone se sa che non rappresenti una minaccia o se non sei troppo felice, o troppo soddisfatta o non so cos'altro diversamente può diventare veramente cattiva (non tutti eh per carità, lungi da me pensarlo, ma per molti è così)
    Mi sembrerebbe un approccio molto più intelligente quello di pensare che se gli altri stanno bene un pò di quel bene arriva anche a noi ed è sempre una cosa positiva....
    Ma ahimè non funziona così. Sono felice se la tua ripresa è in atto,meglio se è già avvenuta, io tifo per te e per festeggiare mangio una fetta di questo rotolo meraviglioso. Scusa la lunghezza del commento ma mi sono sentita vicina al tuo pensiero ;)
    Un bacione

    RispondiElimina
  21. In certi momenti della vita si comprendo molte cose e molte persone, nel bene e nel male....
    Comunque meglio così, se stai bene è solo un piacere per noi che ti leggiamo...e chissà quante nuove ricette ci regalerai!!! Ciao, e un abbraccio!!

    RispondiElimina
  22. bella ricettina!!io nn so mai come usare la farina di kamut,sarai la mia musa ispiratrice!!!

    RispondiElimina
  23. bedda mia..mi spiace sai che ci sono, ti leggo e quando posso ti commento,non ci sono mai state pretese e mai ne avro' e nessuna li deve avere da te..sii libera di scrivere di non postare quando e come vuoi,il blog e' un tuo spazio libero,non obblighi nessuno a leggerti e nessuno puo' giudicarti,molti non sanno che dietro ad un blog ci stanno pensieri di donne,di mamme,di nonne, di spose,di vedove e di persone che non stanno a volte bene fisicamente ma che decidono di avere e scrivere nel blog per rilassarsi,abbandonare anche per pochi minuti della giornata ,i cattivi pensieri ,la routine quotidiana e sorridere per pochi istanti nel leggere un commento...chi giudica in realta' e' sciocco e non riflette tanto che la vita va vissuta e meno giudicata....vai avanti per la tua strada nei tuoi intenti e non badare a chi lascia cattiverie gratuite..meglio pochi ma buoni...bacioni e buona serata
    PS:Dopo sto poema lanciami un dolcetto..oggi per fare un quarto d'ora di strada e andare al mare ci ho impiegato due ore e...niente bagno senno di sudore.grrrrrrrrrr

    RispondiElimina
  24. che dirti, sono felicissima per te, se sei rinata vuol dire che stai bene e questo non mi può far altro che piacere, un abbraccio e complimenti...

    RispondiElimina
  25. Buonissimo questo rotolo! adoro la marmellata di mirtilli e in questo rotolo ci sta da dio. Complimenti, per essere la prima volta con la pasta bisquit non te la ssei cavata affatto male, anzi! ^-^ ciao!

    RispondiElimina
  26. sono contenta di leggerti cosi serena e pronta per un nuovo inizio!! hai ragione, questo dolce non è difficile! pensa che io la prima volta pensavo che mi sarebbe venuto una schifezza invece! se si sta attenti quando lo si arrotola è tutto ok!! bravissima poi.. versione light cosi la coscienza non pesa! ahahaha :-)

    RispondiElimina
  27. Ti leggo da pochissimo e non so del tuo trascorso, apprendo però con piacere, da questo tuo post, che hai inaugurato una fase nuova della tua esistenza con grinta e grande determinazione e per questo ti stimo e ti ammiro molto.
    Persegui questa di strada, cioè la tua e basta, lasciati scivolare addosso critiche e invidie.
    Prendi solo il bello! Se guardi con attenzione scopri che ce n'è tanto..vicino e lontano.
    In bocca al lupo e buona giornata!
    (questo rotolo di kamut è bellissimo e mi sembra anche molto molto buono!!)

    RispondiElimina
  28. Purtroppo Tì è cosè le persone a noi più vicine son quelle ch epoi ci deludono più di tutte. Son quelle che dietro al convinzione di "conoscerci" ci trafiggono con giudizi e pugnalate dritte al cuore. Ne so qualcosa, e non sentirta mai la sola....perchè credimi non accadono solo a te...E' una ruota che gira..Non ti conosco da molto, ma tra noi è stato feeling...senza pretesa alcuna. E' questo il bello delle nuove amicizie...si è sciolti e liberi. Poi se son rose fioriranno.. Non farti il sangue amaro, starci male è normale, ma poi basta puntare lo sgaurdo verso gli affetti sinceri e verso le cose che amiamo, come il blog ad esempio. Dobbiamo sempre e comunque trovare la forza di voltare pagina e guardare avanti. e tu questo l'hai fatto, non posso che essere fiera di te. L'hai dimostrato alla grande con questo rotolo che a me non è mai riuscito, e che se proprio devo scegliere quale battaglia vincere, ecco più che quella verso il bipede, ecco preferisco quella del rotolo, almeno poi me lo pappo felic ee contenta...hahahahah. Un bacione, un abbraccio e ti faccio pure gli occhi da cerbiatta. *___*
    Ale.

    RispondiElimina
  29. sono felice che tu stia meglio, e sentirti così vivace mi fà davvero pensare che anche lo spirito ne ha giovato e non solo il corpo! splendido inizio e sono felice di poter seguire il seguito! dimenticavo rotolo perfettoe sopratutto goloso! un bacione

    RispondiElimina
  30. Mi associo al pensiero espressoti da mia figlia Rossella, o Scarlett .... guarda avanti e sii fiera! Auguri

    RispondiElimina
  31. meno male che si rinasce... complimenti per il tuo rotolo che è davvero grandioso!

    RispondiElimina
  32. Son d'accordo con @Giovanna Burro&Alici... Meno male che si rinasce!
    Mi spiace non essere stata presente in questo momento buio: un fardello pesante portato in due, tre, quattro... è più leggero da portare e sopportare...
    Ti abbraccio forte, sono lieta che il sorriso sia tornato sul viso di una delle persone più genuine e spontanee che conosca...
    Meg

    RispondiElimina
  33. Bentornata e non smettere di sorridere!

    RispondiElimina
  34. Le vostre parole continuano ad essere dolci note, belle melodie suonate per tirarmi su e davvero non posso che ringraziarvi tutti ^_^
    Bello leggervi!!
    @franca, ti auguro di trovare presto le giuste dosi per arrotolare l’allegria che porta questo dolce. A me è servito a spazzare via il malumore e sono certa che a te riuscirà benissimo, appena deciderai di provare
    @Viola, ci tengo molto a ciò che mi dici. Ti ho sempre letta, stimata e il tuo supporto mi è graditissimo, ed in effetti sono certa che sia come racconti… sulle amicizie o pseudo tali. Gli affetti, stringi stringi, quelli veri si contano sulle punta delle dita
    @Tiziana, grazie per il sostegno. Sto bene, è questo ciò che conta, hai ragione… poi conoscere bene le persone colpisce sempre e non sempre in modo piacevole. Passerà
    @Mirtilla, sei un vero tesoro. Mi eleggi a musa ed io spero di non deluderti mai
    @Sognando Dolcezze, sono davvero lieta che l’impegno che ci ho messo abbia dato un risultato che tu e in tanti avete apprezzato. Grazie
    @Scarlett-ina cara, hai colto nel segno. Mi ci è voluto un po’ ma alla fine ho capito che il mio blog è e sarà sempre come io lo voglio. Anche se gli altri ci restano male, perché si tratta di un diario… che ho pensato di chiudere in seguito a questa vicenda, ma che alla fine resta tale. Un diario, mio. grazie cara
    @Fabiola, grazie. Ricevo con piacere sia l’abbraccio che i complimenti con la certezza che quando avremo occasione di conoscerti avrò davanti una persona dolce e molto carina
    @Meg, grazie! Il rotolo è venuto bene anche contro ogni mi aspettativa
    @Debora, in effetti basta molta attenzione. È stato bello vincere la paura che mi bloccava nel farlo. Grazie per il sostegno, l’apprezzamento e le parole
    @Luna, sante parole le tue… grazie, anche se davvero ci conosciamo da poco, ho apprezzato molto il tuo commento perché mi permetti di rivalutare il tutto. C’è tanto, vicino e lontano e non tutto può andar bene. Ma nell’esserci tanto, molto alla fine sarà affine al mio essere. Sì, la penso come te
    @Alessandra, così come ti ho già scritto, è bello conoscerti. Leggerti, poter condividere idee con te e ti ringrazio per il sostegno… e per gli occhi da cerbiatta
    @Ely, grazie di cuore. Lo spirito sta meglio e il corpo ritrova serenità… alla fine il detto non mentiva: mente sana in corpo sano!
    @Katya, è un vero piacere conoscerti (mi permetto di darti del “tu” seppure sei la mamma di Scarlettina) di leggerti e di averti qui. Scarlett è una bella persona, ora so da chi ha preso quello spirito!
    @giovanna burro&alici, menomale sì!! Grazie
    @Maggie, essere presente anche solo con il pensiero è tantissimo. Non poco, e tu sei sempre presente. Ci siamo conosciute qualche anno fa tra le difficoltà che sai, eppure ti ho vista subito come anima affine. Mi sei mancata molto, però sono certa che alla fine le nostre strade tornano ad incrociarsi, e che ci pensiamo, ci vogliamo bene. Ho imparato a conoscerti nel tempo, dilatato, che ci è stato concesso tra una “pausa” e l’altra e so, perché è così, che l’affinità elettiva ci terrà unite per molto… molto, molto tempo. Grazie per essere così come sei!
    @Sonia, proverò a rammentarmi i motivi per cui sorridere e ad allontanare quelli per cui tenere il broncio! Grazie per l’incoraggiamento


    E gli occhi da cerbiatta della cara Alessandra adesso *__* li faccio io per tutti voi!!

    RispondiElimina
  35. che bello questo post... Lo vedo solo ora, che ero affogata di lavoro e mi era finito giù giù... Ti conosco da pochissimo ma voglio solo dirti che è bello leggere parole di rinnovamento, di gioia e di speranza. Son quelle cose che ti illuminano la giornata! E ricordati sempre che i brutti gesti appartengono a chi li fa, non a chi li riceve!
    Un abbraccio, mi hai fatto venir voglia di kamuttizzarmi, tra l'altro, con questi bellissimi rotoli.

    RispondiElimina
  36. Brava! sono contenta che tu stia meglio.....dobbiamo prenderci cura di noi stesse...e coccolarci con questo bel dolcino!

    RispondiElimina
  37. Anche con una farina diversa ti è venuto benissimo questo rotolo, deve essere una soddisfazione vedere che ti riescono ricette di cui avevi timore.
    Brava!
    Baci

    RispondiElimina
  38. Prima di fare la foodblogger non sapevo che esistessero tanti prodotti per chi non può mangiare alcuni cibi, soprattutto il glutine. Inoltre sono proprio tante le persone con questo problema e l'unione fa la forza. Continua a cucinare saranno cose ancora più golose perché particolari. Laura

    RispondiElimina
  39. Non ho mai usato la farina di Kamut... è ora di provarla! Splendida ricetta!

    RispondiElimina
  40. uauuu. Voglio sapere fare una cosa del genere! ci proverò a farlo. Grazie per la ricetta!

    RispondiElimina
  41. Anche io sono stata lontano dal blog per un pochino, per una serie di negatività successe negli ultimi periodi..sono dispiaciuta per il disagio che hai vissuto e che manifesti in questo bel post, ma dall'altro lato sono felice perché sento entusiasmo e speranza nelle tue parole. I momenti di sconforto, ahimè, esistono, e alla fine va bene così.. non per dire una banalità, ma servono ad apprezzare quando si sta bene e a ricordarci che il benessere e la felicità non sono diritti acquisiti. Io non ho ancora utilizzato la farina di kamut in nessuna preparazione, per cui sarà un piacere ancora più grande passare dalla tua cucina a rubacchiarti qualche ricetta!
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
  42. Ti comprendo perfettamente e sono felice della tua rinascita. Anch'io per problemi personali sono poco presente sul web in questo periodo,anche se lontana, ti sono vicina. Il tuo rotolo è favoloso, complimenti.
    Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  43. Ciao tiziana, sono venuta a ricambiare il tuo saluto.Ho trovando un bel sito dalla grafica curata,
    cosa nella quale io proprio sono negata,leggendo il tuo profilo ho poi scoperto alcune similitudini
    (no la passione della foto,ah,ah)con la mia vita, cosa abbastanza normale tra le migliaia di persone che affollano il web, ma che ogni volta che capita...bè fa piacere!!!!

    RispondiElimina
  44. CHe squisitezza... Bel blog, complimenti... divento subito un tuo lettore fisso. Ciaooo

    RispondiElimina
  45. carissima tiziana, in attesa di vederci da vicino per conoscerci...ti ringrazio tanto per questa splendida ricetta!

    RispondiElimina
  46. questa e' da provare al piu' presto ha un aspetto godurioso!! ;-)))

    RispondiElimina

Le tue parole al marzapane sono come una tavolozza di colori, utili per colorare il mondo insieme, pronte a dare vita a nuovi spunti... e sono gradite, sempre!

Translate

Gli amici