Ultime dalla casetta al Marzapane

lunedì 25 aprile 2011

Caccavelle con crema di formaggio e pistacchi


E si avvicendano i giorni di festa, le campane annunciano voli di bianche colombe e i panieri da picnic si mostrano adorni come capelli di sposa: mille fiorellini profumati a contornare bordo e dentro una profusione di sapori ad osannar la primavera.




Il 25 Aprile, festa della libertà, coro d'una ritrovata coscienza nazionale, coincide con il lunedì dell'Angelo ed allora è stato bello armarsi di serenità, di grazia e gentilezza, popolando prati, collinette in fiore e campi intorno a case di campagna per innalzare nuova voce e fondare nuovo coro: ritrovata coscienza nazionale!


Serviva nel '45 e serve ancora ritrovare!


Vi lascio le mie caccavelle ripiene per omaggiare quel paniere immaginario che noi tutti, noi Italiani indignati, abbiamo riempito in questo giorno di memoria per popolare il prato vero della libertà – non quello fasullo di un popolo mortificato – nel ritrovarci uniti a far picnic, a banchettare, brindare alla nostra amata patria. Il giorno di festa in famiglia marzapane è trascorso proprio all'aperto, tra caprette e vitellini, maiali e pavoni affatto schivi.




Ringrazio la Fabbrica della pasta di Gragnano per questa collaborazione a tutta pasta, simbolo nazionale della buona tavola!


Ingredienti:
4 Caccavelle Gragnano
150 g di Camoscio d'oro
30 g di Pistacchi
100 g di Pomodorini
100 g di Pancetta a cubetti
30 g di Pangrattato
½ bicchiere di Latte (o besciamella poco densa)
Erba cipollina
Olio evo, Sale e Pepe q.b.



Vi racconto il “come fare”:
Mettete a scaldare una pentola con abbondante acqua, al bollore salate e iniziate a cuocere le caccavelle per il tempo indicato in confezione. Intanto mettete nel mixer i pinoli, il camoscio d'oro e i pomodorini e azionate le lame fino ad ottenere una crema densa, se servisse aggiungete un filo d'olio e un pizzico di sale. In una padella con il fondo antiaderente fate scaldare un cucchiaio di olio evo, soffriggete l'erba cipollina, pepate e aggiungete la pancetta quindi lasciatela dorare per un paio di minuti. Trascorso il tempo di cottura della pasta, scolatela. Abbassate il fuoco alla padella e allontanate la pancetta, che metterete in un piattino da parte. Nella padella calda e ancora unta tostate il pangrattato, aggiungendo ancora un pizzico di sale e un pizzico di pepe. Compiute tutte queste operazioni, scaldate il forno a 180°C e componete la pasta: oleate il fondo di una pirofila con l'olio rilasciato dalla pancetta, ponete sul fondo le caccavelle con la pancia rivolta verso l'alto e riempite le cavità della pasta con la crema di camoscio d'oro, i cubetti di pancetta e terminate con il pangrattato. Sul fondo della pirofila versate il latte quindi passate in forno caldo per 5 minuti, giusto il tempo di gratinare il ripieno.

25 commenti:

  1. Ciao carissima, bellissime queste caccavelle e sicuramente molto buone!!! Un ottimo primo piatto per mille occasioni!!! Un bacione e buona serata!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao bella, tanti auguri, bellissimo piatto e foto dei bestin! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Ciao, peccato non esserci a condividere un piatto così gustoso!!!
    Buona serata

    RispondiElimina
  4. proprio un piatto saporito e gustosissimo!

    RispondiElimina
  5. Merhabalar, ellerinize sağlık. Çok güzel ve şık resimler.

    Saygılarımla..

    RispondiElimina
  6. Merhabalar, ellerinize sağlık. Çok leziz, güzel ve şık resimler.

    Saygılarımla..

    RispondiElimina
  7. Mamma che bella!!sicuramente buonissima!!Conosco questa pasta ed è eccezionale!!buona giornata

    RispondiElimina
  8. Tenerissime le immagini di vita campestre ^__^E le caccavelle...da leccarsi i baffi. Molto bello il formato di pasta e spurposissimo il ripieno. Un bacione bella, a presto ;)

    RispondiElimina
  9. Bellissime le foto, molto saporita questa pasta, complimenti.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  10. Ecco, mi hai fatto venire fame...questa ricetta è deliziosa! Brava!

    RispondiElimina
  11. Molto belle le parole che acompagnano questa gustosa ricetta.
    Felice di conoscerti

    PS: ...e io che pensavo che caccavelle fosse solo un sinonimo di cianfrusaglie! non si finisce mai d'imparare

    RispondiElimina
  12. Devono essere buonissime oltre che belle a vedersi. Belle le foto. Un saluto. :)

    RispondiElimina
  13. deliziose e gustosissime, adoro i pistacchi...e poi la caccavella è una passione in tutti i sensi!

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. deliziose e gustosissime, adoro i pistacchi...e poi la caccavella è una passione in tutti i sensi!

    RispondiElimina
  16. Quanto è invitante e ghiotto questo piatto, mi segno subito la ricetta, grazie Tiziana, un abbraccio!!!!!!!

    RispondiElimina
  17. eh la peppa!!! che squisitezza mia cara :-))) davvero un'ottima preparazione con bellissime foto, bacioni caccavellosi :XX

    RispondiElimina
  18. Ma che belle queste caccavelle, non le conosco, sembrano buonissime!!

    RispondiElimina
  19. Ottima preparazione complimenti! Buona settimana! :-)

    RispondiElimina
  20. come sempre un post ricco di sapore,amore e tanta verita.....brava ..baci cara Tiziana

    RispondiElimina
  21. Ciao cara,sono una tua nuova sostenitrice.
    Mi piacerebbe se passassi anche da me e se diventassi sostenitrice qualora ti piacesse così da non perderci di vista.
    Ti aspetto.
    A presto,un abbraccio.
    http://dolcimomenticupcakes.blogspot.com/

    RispondiElimina
  22. Che profumino le tue caccavelle! mmmm da leccarsi i baffi. ciao chiara

    RispondiElimina
  23. mhmmm... questo formato di pasta per me è una vera novità!
    Grazie per la ricetta (gustosissima) e le foto bucoliche... entrambi simboli di primavera.
    Un bacio e a presto

    RispondiElimina
  24. Delizioso post e ricetta ..come sempre ciao

    RispondiElimina
  25. Questa ricettina è davvero deliziosa ti faccio tanti complimenti ed intanto colgo l'occasione per chiederti: ma il tuo contest? come è finito? Avevo la curiosità di sapere quali ricette hanno vinto ma non ho trovato nulla ... mi sono dormita qualche post?

    RispondiElimina

Le tue parole al marzapane sono come una tavolozza di colori, utili per colorare il mondo insieme, pronte a dare vita a nuovi spunti... e sono gradite, sempre!

Gli amici