Benvenuti nella mia cucina al marzapane Tiziana
puoi seguirmi su:
grazie per essere passato e ricorda
i tuoi commenti alimentano il mio blog!

Ultime dalla casetta al Marzapane

Cerca tra le ricette di PdM

mercoledì 1 dicembre 2010

Lievito Madre: come generarlo, nutrirlo, crescerlo e mantenerlo


Dedicarmi poco alla mia cucina virtuale in questo periodo continua ad essere per me necessario. Deve chiudersi un anno ed assieme al saluto per accogliere quello nuovo bisogna presentare i conti di ciò che si è fatto in questo, ciò mi allontana da qui – cucina di marzapane - però non limita la mia voglia di cucinare come ho già detto recentemente. Bisogna lavorare ancor più alacremente nel luogo ove io esercito la mia professione e la sera, tornati al dolce tepore casalingo, il profumo del pane ristora l’animo e dona nuova pace a me ed al Buongustaio.


Da ciò nasce l’esigenza di rendere il pane - e tutti i prodotti da forno - ancor più naturale, dato che tanto ne passa ogni giorno sulle nostre tavole imbandite. La ricerca delle origini dei sapori ha contagiato anche me e finalmente è nato Saro, il mio Lievito Madre.


Saro prende vita in nove passaggi e sei rinfreschi e si fa buono in circa cinque giorni. Ho cominciato a fare il pane con lui al settimo rinfresco, ma il primo risultato è stato esaltante solo visivamente: il pane sapeva di quel retrogusto acido che si perde con l’andar dei giorni.

Oggi Saro ha un mese di vita, cresce gaio, dorme in frigo e mi pare di avere una creatura nuova da allevare, da non abbandonare mai. Fa il pane discretamente e in famiglia siamo tutti convinti che dandogli tempo e fiducia ci regalerà non solo belle soddisfazioni ma anche il ritrovato gusto per le cose autentiche.

Sono stata titubante per lungo tempo sulla scelta di iniziare a dar vita al lievito madre, mi sembrava cosa complicata e che portasse via troppo tempo. In parte è vero, però è stato più semplice di quel che temessi e oggi mi pento di non aver dato prima vita a Saro perchè per questo Natale non sarà ancora pronto a darmi un bel panettone, gli servirà qualche mese. Il mio invito, le mie parole suonino dunque a tutti quelli che ancora non si sono convinti come sprone, incoraggiamento.

Sono felicissima di avere Saro nel frigo, dorme beato, ogni mattina lo saluto, e il fine settimana si ferma tra le mie mani per allestire un pranzo che profuma ancor di più di casa, di meraviglia, di pane appena sfornato.

Naturalmente al nome ha pensato il Buongustaio, va detto per onor di cronaca, quando spiegandogli cosa avevo intenzione di fare, dicendogli che il Lievito Madre è una creatura viva che cresce e vive con noi un’esistenza intera, esortandolo a trovargli un nome Lui ha esclamato: “che abbia un nome simpatico, siciliano, tipo Saro”. È stato amore a primo ascolto così non ho voluto ipotizzare altri nomi ritenendo questo il suo per diritto, per nascita, per professione di panettiere conquistatore.

Giovedì 4 Novembre 2010 – ore 21,25 INIZIO LM SARO

Passaggio 1, avvio: 140 g di Faria 00 + 1 cucchiaio da minestra di Miele + 80 g di Acqua oligominerale (il calcare eventuale infastidisce la lievitazione). IMPASTATI gli ingredienti OTTEGO un panetto molto elastico e consistente.

24 ORE A RIPOSO in una terrina coperta con un canovaccio di cotone e avvolto in una coperta. FORMAZIONE DI PICCOLE BOLLE AL FONDO, ODORA DI FARINA

Passaggio 2, aumento: Impasto del giorno prima + 140 g di Farina 00 + 100 g di Acqua. IMPASTATI gli ingredienti OTTENGO un panetto molto elastico e più morbido.

24 ORE A RIPOSO in una terrina coperta con un canovaccio di cotone e avvolto in una coperta. HA RADDOPPIATO IL VOLUME E PRESENTA MOLTI ALVEOLI, ODORA VAGAMENTE DI ACIDO.

Passaggio 3, I rinfresco: Impasto + 140 g di Farina 00 + 50 g di Acqua. IMPASTATI gli ingredienti OTTENGO un panetto molto elastico e più sodo. PESARE 300 g di impasto e BUTTARE il resto

24 ORE A RIPOSO in una terrina coperta con un canovaccio di cotone e avvolto in una coperta. PRESENTA MOLTI ALVEOLI E ODORA DI ACIDO in modo più deciso APPARE AUMENTATO DI VOLUME.

Passaggio 4, II rinfresco: Impasto + 140 g di Farina 00 + 50 g di Acqua. IMPASTATI gli ingredienti OTTENGO un panetto molto elastico e più sodo. PESARE 300 g di impasto e BUTTARE il resto

N.B.: Ridurre i tempi di attesa tra un rinfresco e l'altro per verificare se il lievito è nato!

16 ORE A RIPOSO in una terrina coperta con un canovaccio di cotone e una coperta. PRESENTA FORMAZIONE DI PICCOLE BOLLE AL FONDO E ODORA VAGAMENTE DI ACIDO, la lievitazioe sembra stentare.

Passaggio 5, III rinfresco e idratazione: Impasto + 140 g di Farina 00 + 100 g di Acqua. IMPASTATI gli ingredienti OTTENGO un panetto molto elastico e più morbido. PESARE 300 g di impasto e BUTTARE il resto

8 ORE A RIPOSO in una terrina coperta con un canovaccio di cotone e una coperta. PRESENTA FORMAZIONE DI PICCOLE BOLLE AL FONDO E ODORA VAGAMENTE DI ACIDO, la lievitazioe sembra stetare ancora. PROVO A NUTRIRE CON MIELE

Passaggio 6, arricchimento nutritivo: Impasto + 50 g di Farina 00 + 1 cucchiaino da thé di miele. IMPASTATI gli ingredienti OTTENGO un panetto molto elastico, colloso e sodo.

24 ORE A RIPOSO in una terrina coperta con un canovaccio di cotone e una coperta. PRESENTA MOLTI ALVEOLI E ODORA DI ACIDO, la lievitazione è ripresa in modo deciso e l'impasto è RADDOPPIATO mentre al tatto la consistenza è spumosa e soffice sulla superficie e in generale sembra colla vinilica super concentrata.

Passaggio 7, IV rinfresco: 150 g di Impasto + 150 g di Farina 00 + 75 g di Acqua. IMPASTATI gli ingredienti OTTENGO un panetto elastico ed appiccicoso.

24 ORE A RIPOSO in una terrina coperta con un canovaccio di cotone e una coperta. PRESENTA MOLTI ALVEOLI E ODORA DI ACIDO, l'impasto è RADDOPPIATO.

Passaggio 8, V rinfresco: 150 g di Impasto + 150 g di Farina 00 + 75 g di Acqua. IMPASTATI gli ingredienti OTTENGO un panetto elastico ed appiccicoso.

24 ORE A RIPOSO in una terrina coperta con un canovaccio di cotone e una coperta. PRESENTA MOLTI ALVEOLI E ODORA DI ACIDO, l'impasto è RADDOPPIATO.

Passaggio 9, VI rinfresco: 150 g di Impasto + 150 g di Farina 00 + 75 g di Acqua. IMPASTATI gli ingredienti OTTENGO un panetto elastico ed appiccicoso.

12 ORE A RIPOSO in una terrina coperta con un canovaccio di cotone e una coperta. PRESENTA MOLTI ALVEOLI E ODORA DI ACIDO, l'impasto è più che RADDOPPIATO: LO CONSERVO IN FRIGORIFERO.

DOPO 8 ORE procedo con un nuovo rinfresco e questa volta con la parte di impasto prelevata faccio il pane!

PANE AL VII rinfresco: 150 g di Impasto + 150 g di Farina 00 + 75 g di Acqua. IMPASTATI gli ingredienti OTTENGO un panetto elastico ed appiccicoso.

N.B. Usare acqua oligominerale a temperatura ambiente, l'acqua di rubietto potrebbe avere un retrogusto di cloro fastidioso o presentarsi troppo dura (calcarea) e bloccare la lievitazione. Una volta nato il LM, andrà rinfrescato ogni 2/3 giorni se tenuto a temperatura ambiete, ogni 5/6 se riposto in frigorifero. Di tanto in tanto il LM andrà nutrito o con miele o con farina manitoba. Il LM da usare in generale negli impasti è pari ad un terzo delle farine usate per gli stessi. Per farine difficili alla lievitazione (tipo quelle integrali) aumentare la dose di LM utilizzato, andrà bene 150 g per mezzo chilo di farine. Per 600 g di Farina OO usare circa 100 g di LM.

Per il rinfresco a regime mi regolo così:
300 g LM di cui 150 g da usare per il pane, o buttare, 150 da rinfrescare come segue
-150 g impasto
-150 g farina
-75 g acqua

NOTA1: una volta al mese rinfrescare il LM con sola farina manitoba
NOTA2: una volta al mese rinfrescare il LM con aggiunta di miele per nutrire i fermenti e i lieviti

Facciamo il Pane

Per ottenere un buon pane con LM hanno notevole importanza due fattori: la consistenza dell’impasto e i tempi di lievitazione. Chiaramente dopo un mese ho sperimentato un po’ e vi riporto quello che al momento è il mio risultato migliore.

In una terrina pesare 100 g di LM e aggiungere 300 g di liquido (due parti di acqua e una parte di latte intero) tiepido ed un cucchiaino di miele. Sciogliere il LM mescolando bene con i rebbi di una forchetta.


Iniziare ad incorporare al LM i 500 g di Farina (che può essere bianca OO, di grano duro, di manitoba o in miscela di tutte queste, a seconda della preferenza e del gusto che si vuole ottenere), aggiungendo per ultimo un cucchiaino di sale (circa 10 g) e se gradite un filo d’olio evo.


Passare l’impasto sulla spianatoia infarinata e continuare con le operazioni di impasto: recuperare prima tutta la farina poi, una volta ottenuto un panetto più consistente, iniziare a lavorare con i pollici


Con i polsi, energicamente


Sbattendo l’impasto, operazione che permette di ottenere migliore lievitazione e pane più morbido


Dopo almeno 15 minuti di lavoro sull’impasto, dare forma di palla liscia ed omogenea


Mettere il panetto a riposo su un piano infarinato e praticare un taglio a croce che ci permetterà, notandone l’apertura, di controllare la lievitazione. Attendere 3 ore.

Trascorso in tempo della prima lievitazione, appiattire il panetto e procedere alla piegatura, quindi rimettere a lievitare per 1 ora


Trascorso questo secondo tempo di lievitazione si può dare forma al pane, poi bisognerà attendere ancora da 2 a 3 ore per una ulteriore lievitazione.


Cuocere il pane in forno caldo a 200°C per dieci minuti. Ridurre la temperatura del forno a 180°C e continuare la cottura ancora per altri venti minuti.

Nota1: per una cottura ottimale, inserire nel vano del forno una pirofila piccola e bassa con dell’acqua. Questa consentirà, in cottura, al pane di lievitare ancora senza disidratarsi troppo.

Nota2: avvolto in un canovaccio di cotone, il pane con il LM resiste anche 4 giorni mantenendosi sempre morbido e buono al gusto.

25 commenti:

  1. sei stata bravissima, io ho ucciso il mio lievito madre.. non l'ho curato per bene. Ora con la tua ricetta proverò a rifarlo. Le prime volte mi dava gran soddisfazione ma negli ultimi impasti non lievitava bene.. quando riprovo ti faccio sapere! bacio

    ah.. il pane è bellissimo

    RispondiElimina
  2. Ecco.. è da tanto che sto pensando di provarci... sto cercando informazioni di ogni genere per farmi trovare preparata.. il tuo post è veramente molto utile!

    RispondiElimina
  3. Anch'io ho il mio cucciolo nel frigo ed oggi ho una pagnotta da infornare ;D.
    Complimenti per la spiegazione e per il tuo Saro:D
    Un saluto!

    RispondiElimina
  4. diciamo che fare il lievito madre non è cosa tanto semplice, c'è sempre da stare attenti alla lievitazione, però sono convinto che il pane in questo modo sia ottimo. Bel lavoro e che pazienza!!

    RispondiElimina
  5. anche io l'adopero ed è una gran soddisfazione!

    RispondiElimina
  6. Mi preoccupa tutta quella lista ma vorrei proprio farlo, baci e grazie

    RispondiElimina
  7. Cara Tiziana, benvenuta nel club! sono contenta che tu abbia deciso di dar vita a questa creaturina (bello il nome :-D)che ti darà molte soddisfazioni. Non ti invidio la fase di creazione che, a quanto leggo, è stata impegnativa... sono contenta di averlo fatto senza glutine, ci ho provato 3 volte prima e alla 4° era ok, ma si impiega meno tempo. Auguro lunga vita al neonato che maturando sfornerà delizie a più non posso :-)) complimenti e bacioni

    RispondiElimina
  8. Benvenuto a Saro allora! Sei stata bravissima complimenti! Fare il lievito e poi il pane in casa è molto più di un semplice impasto e regala tantissima soddisfazione! Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Grazie per i consigli!!! e benvenuto Saro!!!!! devi mettere un bel fiocco azzurro fuori dal portone!!!

    RispondiElimina
  10. Benvenuto Saro, anch'io ho il mio Giovanni, un cucciolo di 2 anni....che mi dà tante soddisfazioni...mi unisco a te nel dire che bisogna provarci...è più facile di quello che sembra...Questo pane ne è la dimostrazione. Buona serata

    RispondiElimina
  11. Un post davvero interessante!!!...io non ho mai provato a farlo ma prima o poi proverò!!!...bravissima!

    RispondiElimina
  12. ma tu non sei riuscita a partecipare al corso di Adriano e paoletta vero?
    Il tuo pane è riuscito in maniera egregia!
    complimentissimi.

    RispondiElimina
  13. Ciao Tiziana, vieni a ritirare un premio da me?
    buona serata
    bacioni
    ps...eri da Ipercoop nuovo (viale Michelangelo) stamane? c'era una donna che ti somigliava ( il mio riferimento è la tua foto qui sopra) tantissimo....

    RispondiElimina
  14. Finalmente riesco a dedicarmi un pò alle vostre cucine virtuali, mi manca la mia passeggiata per le vie dei blog... ma come ho spiegato nel post, questi per me sono giorni molto pieni di cose da fare e lavori da chiudere prima che termini l'anno. Ad ogni modo ringrazio voi tutti per il sostegno che mi date e per le visite, sempre molto gradite!

    @Zucchero e Farina: in effetti il LM va molto curato, e un pensiero in più perchè abbandonarlo a se stesso vuol dire farlo morire. Sono certa che appena deciderai di riprovare non ricometterai gli erriri che ti hanno portato a far morire il lievito precedente!

    @Yaya: Felicissima che le mie informazioni ti siano utili *_*

    @Pagnottina: questa mattina infornavo pane ^_^ avere il piccolo nel frigo ti spinge a fare cose folli!

    @Valerioscialla: diaciamo che la pazienza diventa la virtù dei pani forti ^_*

    @marsettina: accomunate dall'amore per la panificazione allora!

    @Stefania: ti assicuro che è complicato meno di quello che si pensi. Tante cose da fare, ma alla fine ne vale la pena.

    @Sonia: sì sì, nome che merita tutto il mio pupo. Un LM che mi comincia a dare pane da favola. Sono felicissima di averlo fatto. Oggi non ero io la persona che hai incrociato però, come ti ho scritto, potremmo prima o poi fare una rimpatriata culinaria!?

    @Ornella: mia cara, ho letto delle tue imprese con il panettone. Non finirai mai di stupirmi!

    @Federica: il fiocco azzurro è stato leggittimamente appeso alla porta del frigo *__*

    @letizia: anche il tuo porta un bel nome da lievito ^_^ e poi lo curi da due anni, bello!

    @Vanessa: spero che il mio post ti spinga a farlo quanto prima, ti assicuro che a distanza di un mese sono sempre più onvinta di aver fatto bene.

    @Cinzietta: come vedi non riesco mai a partecipare a corsi interessanti, mi sono persa con rammarico anche il tuo. Mi inorgoglisce questo pane che tanto ti è e vi è piaciuto *_*


    A tutti, baci marzapanosi!!

    RispondiElimina
  15. Caspita che brava!! Ho sempre desiderato fare il pane con il lievito madre, sicuramente le soddisfazioni sono maggiori rispetto al pane fatto con il comune cubetto! Poi però temo di non farlo durare molto a lungo!
    Hai spiegato tutti i passaggi benissimo, non è facile e poi è utilissimo!
    Un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  16. Ciao! Grazie, sei stata chiarissima, finalmente potrò provare anch'io a fare il LM. Dopo le vacanze di Natale però, non credo che al nuovo nato facciano bene trasferte in gelidi siti montani.
    Una domanda sola di chiarimento: nella mia cucina e nella mia casa durante questa stagione siamo sui 20°, mi conviene aspettare un momento più caldo?
    Da qualche parte ho letto che per partire il LM necessita di almeno 25° costanti, io li ho solo a luglio!!!!
    bellissimo il tuo blog, il tuo Saro ha un faccino bellissimo.

    RispondiElimina
  17. Benvenuto al tuo Saro allora!!
    Sono sicura che ti darà grandi soddisfazioni!! Sei stata bravissima e paziente.....chissà, magari proveremo anche noi!!
    Ciao carissima!

    RispondiElimina
  18. Ciao a voi tutti, al volo prima di darmi ai festeggiamenti serali passavo per salutarvi...

    @marifra79: sono lieta che le spiegazioni risultino chiare, certa anche del fatto che se vuoi poi tenerlo facilmente anche tu. Serve un pò di volontà, per il resto curare il lievito madre una volta generato non è difficile. Sicuramente dà molta più soddisfazione che usando il lievito chimico ^_*

    @Gabriela: credo che le temperature che hai in casa vadano benissimo. Ho letto spesso che si preferisce avviare il lievito madre in inverno proprio perchè le temperature sono più contenute. Non deve esserci ne troppo caldo e ne troppo freddo. Intorno ai 23 gradi è perfetto, ovvero in casa di inverso con i termosifoni accesi. Spero di esserti stata utile!

    @Tiziana: ciao mia carissima omonima, Saro è stato accolto alla grande in casa e più tempo passa meglio lavora. Ti consiglio vivamente di provare anche tu ^_^

    A tutti, buona festa dell'Immacolata!

    RispondiElimina
  19. Anche io ho il mio leivitino ciccino in frigo, in questi ultimi tempi l'ho un po messo da parte per fare altre cose, ma è ora di riutilizzarlo per fare qualche bel panetto di pane fresco!
    Il profumo del pane e la cottura in forno è qualcosa di meraviglioso!
    :D
    Un bacione e buona settimana^^

    RispondiElimina
  20. Che brava che sei e che pazienza hai!! Io no, non riuscirò per certe ragione;) Complimenti, Tiziana!
    Bacione

    RispondiElimina
  21. Bel post, da venire a leggere per rinfrescare, oltre che il lievito anche la memoria, ciaooooooo

    RispondiElimina
  22. Ciao Tiziana, come va?
    Grazie per tutte queste istruzioni, mi saranno certamente utili, quel giorno quando cioè porterò avanti anche questo progetto. Metto a preferiti, così non lo perdo do vista.

    di nuovo grazie
    baci
    Terry

    RispondiElimina
  23. Bellissimo (e dolcissimo, gnam!) blog. Complimenti !

    Baci, Suze ♡
    unamandriadicivette.blogspot.com (passa a dare un'occhiata, mi farebbe piacere)

    RispondiElimina
  24. carissima Tiziana, ti cingo in abbraccio etereo e ti auguro un fantastico Natale.
    Un grande bacio.

    RispondiElimina
  25. tiziana, bellissima la storia di saro! l'ho condivisa sulla mia pagina fb :)

    RispondiElimina

Le tue parole al marzapane sono come una tavolozza di colori, utili per colorare il mondo insieme, pronte a dare vita a nuovi spunti... e sono gradite, sempre!

I dolci di Pecorella

Translate

Gli amici