Ultime dalla casetta al Marzapane

giovedì 24 giugno 2010

Cappelli di funghi champignon al forno

Non potrò più guardare un canestro colmo di funghi champignon senza pensare o associarli a te e sorridere. Una “V” francese per metà, forse per quella metà romantica e sognatrice che tanto si rispecchia nel mio modo di essere, per metà sicula doc… anche se a parole talvolta fuggi via, la Trinacria ti appartiene e l’ami perché diversamente non posso tollerare per una terra così vessata da chi non l’ha compresa e pensa solo di sfruttarne l’ingenuità. Ieri ho riletto una mia frase, appuntata e per lungo tempo dimenticata: svesto i miei panni e indosso me stessa.
La nostra terra deve svestire quei panni che fanno difetto in mille pieghe, che stanno qua larghi, lì troppo aderenti e tirano da ogni punto, deve vestire se stessa: un mare d’amore, un sole d’ardore, il fioco pensiero di quel conquistatore che vive ancora in noi e anima le nostre parole d’arabo ardire.
Tu che sei “champignon”, nomignolo che graziosamente calza, sappi che ovunque andrai porterai quella metà di umori che solo un isolano concede.


Ingredienti:
1 Kg di Funghi champignon
1 Cipolla
200 ml di Panna (sostituire, se preferite, con besciamella)
250 gr. di Pangrattato
60 gr. di Caciocavallo grattugiato
2 grossi Pomodori maturi, tagliati a tocchetti
3 cucchiaio di Olio extravergine d’oliva
1 mazzetto di Prezzemolo tritato
Sale e Peperoncino q.b.

Procedimento:
Pulire delicatamente i funghi da eventuali residui di terra e staccare i gambi dai rispettivi cappelli. Tritare i gambi dei funghi e mettere da parte, tritare la cipolla e soffriggere in una larga padella con due cucchiai di olio evo. Attendere che la cipolla nel soffritto prenda colore e aggiungere in padella i gambi dei funghi, i pomodori sminuzzati, il prezzemolo tritato, salare e pepare. Lasciar cuocere il sughetto per non oltre 5 minuti quindi aggiungere una parte della panna, circa metà, e lasciar cuocere un paio di minuti. A fuoco spento terminare la farcia con il pangrattato e il caciocavallo, amalgamare bene e utilizzare per farcire i cappelli dei funghi champignon. Oliare il fondo di una teglia con il restante cucchiaio di olio evo e disporre ordinatamente i funghi ripieni. Terminare la composizione della teglia con la parte di panna che avremo tenuto da parte, versare questa a filo su tutti i funghi poi cuocere in forno preriscaldato a 180°C per circa 20 minuti. Servire tiepidi o freddi.

11 commenti:

  1. Che buoni Tizy!!!Mi piacciono tantissimo gli champignon (è vero, ci sono poche cose che non mi piacciono, ma ci sono!), e così devono essere davvero golosi!Anche la foto è ghiotta!Bella ricettina!!!

    RispondiElimina
  2. bellissima ricetta... e bellissime parole, soprattutto. Ho avuto la fortuna di andare spesso in Sicilia, è una terra che adoro sotto tutti gli aspetti, dal paesaggio alla gente, per non parlare della cucina ^_^.
    Sono banalità, mi rendo conto, ma la porto davvero nel cuore.
    (anzi, già che ci siamo, approfitto: una volta ho mangiato delle squisite cipolle fredde marinate con la menta, che mi dissero essere una ricetta siciliana, anche se non ricordo di quale provincia... tu mi sai dire come posso ricreare quella meraviglia??)
    un abbraccio ^_^

    RispondiElimina
  3. Hai ragione cara Tì...io amo la Sicilia e la sua gente con tutta me stessa, tanto che ci sono andata e ritornata più di una trentina di volte, però non sono nata lì. Ma sono italiana e perciò mi onoro di essere anche sicula per cui non posso che sperare e augurare che finalmente un “sarto speciale” sappia far cucire un vestito splendido,perfetto, quello la Trinacria si merita! Gustosissimi i funghetti champignon! Baci

    RispondiElimina
  4. Tiaziana mia bella,
    lo sai che ti adoro e adoro ciò che scrivi ma oggi... oggi, se è possibile, ti adoro ancora di più!
    Condivido tutto, le tue parole diventano le mie e mi auguro che l'arabo ardire sopito dentro di noi si desti presto... questo scempio non può e non deve perpetrarsi ancora a lungo.
    Ti abbraccio,
    Meg

    P.S. : mi hai fatto tornare alla mente un passo de "Gli zii di Sicilia" che mi colpì e mi piacque tanto quando, da ragazzina, lessi il libro e che da allora è diventato il vessillo del mio orgoglio siculo.

    RispondiElimina
  5. Mi piacciono tanto i funghi ripieni,questa variante poi la trovo davvero deliziosa :P

    RispondiElimina
  6. Buongiorno a voi tutte, che il sole vi baci una a una ^o^

    @ Meggy: avere un palato abituato a molti gusti è cosa buona, io molte cose non le mangio forse per retaggio paterno… mio padre rifiuta sempre tante cose a tavola, non è bello. Dunque coltiva questo tuo amore per ogni gusto, il fatto che ti piaccia quasi tutto fa onore al tuo essere gourmet!

    @ BasilicoeMentuccia: le parole, a mio avviso, quando sono sentite e sincere son sempre belle e non possono far male. Il tuo visitar la mia terra non può fermarsi ^_^ magari avremo anche modo di andar per localini a cercare le cipolle di cui parli. P.s. ho intenzione di documentarmi per farti avere la ricetta

    @ Ornella: una trentina di volte? Allora sei un po’ sicula anche tu! Ti eleggo mia conterranea ad onorem ^_^

    @ unfilodolio: echeperchè se non mi o(a)doravi mica lo sentivi che profumavo O.O’’ Nu, non sono ubriaca, rimandiamo a domenica sera dalla riccetta per il folleggiare brillo. Tornando seria, provando… lo leggo nel tuo sguardo, quando ti guardo, che con te condivido un pensiero. Sono felice di averti ritrovato dopo due anni. Su “Gli zii di Sicilia” ti dirò che questa è una mia grande lacuna, lo leggerò presto per comprendere a quale vessillo hai innalzato il tuo orgoglio siculo.

    @ Nanny: Ben ritrovata, questa variante sortisce l’effetto dell’uno tira l’altro ^_^

    Baci dolci e appiccicosi di caramelle mou a tutte,

    RispondiElimina
  7. Ma che ghiottoneria questi funghi! Grazie cara della bella ricettina, prendo nota! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. Buondì Speedy, grazie a te e felice di averti ispirato un piatto ghiotto ^o^

    Baci,

    RispondiElimina
  9. cara Tizi
    sai benissimo che le tue parole mi sono entrate dritte nel cuore e le porterò sempre con me, come la tua allegria e i tuoi sorrisi che hanno rallegrato e colorato le mie giornate. Sarà la mia metà straniera che mi spinge a voler esplorare altri mondi, sarà forse la mia anima viaggiatrice, in ogni caso la voce che ho dentro mi spinge a lasciare questa nostra terra così complessa, così bella, così dura e crudele. Da molto tempo ho deciso di svestire i miei panni e di vestire me stessa..ed è proprio per questo che ora voglio ascoltare la voce che mi assilla e non mi lascia tregua. Sono siciliana, anche se per metà, ma sono nata in questa terra, e la amo nonostante tutto, ma provo rabbia quando la vedo dissacrata e violentata dalle stesse persone che dicono di amarla...Se riuscirò un giorno a realizzare il mio sogno, stanne certa porterò nel mio cuore la nostra isola e le persone meravigliose che ho conosciuto...
    Grazie per le tue parole
    champignon

    RispondiElimina
  10. Ti voglio bene champi e sono molto felice d'averti incontrata e conosciuta!

    Bacino,

    RispondiElimina
  11. @ Champi & Tì:
    che tenerume che siete!
    Un bacino per entrambe,
    Meg

    RispondiElimina

Le tue parole al marzapane sono come una tavolozza di colori, utili per colorare il mondo insieme, pronte a dare vita a nuovi spunti... e sono gradite, sempre!

Gli amici