Benvenuti nella mia cucina al marzapane Tiziana
puoi seguirmi su:
grazie per essere passato e ricorda
i tuoi commenti alimentano il mio blog!
chef per un mese: Vince per il mese di Maggio Angela del blog Verzura, intervistata su SdG... il prossimo potresti essere TU, partecipa

lunedì 31 maggio 2010

Polpette di Merluzzo con Ragù di Taccole


Tanti elementi insieme che mi hanno spinto, ho terminato appena adesso, alla realizzazione di questo piatto: due amici che forse ci raggiungeranno per la cena, un contest sulle polpette che mi ha spinto a pensare a polpette fantasiose... le taccole che ormai da quasi un mese ho scoperto come mie prelibate compagne di tanti contorni.
Ebbene, seppur in ritardo per quel contest, di certo non dispiacerà ai miei commensali tale sperimentazione perchè il risultato è stato davvero una sorpresa da lecarsi le dita.

Ingredienti:
500 gr. di polpa di merluzzo
500 gr. di Taccole
400 gr. di pomodori pelati e sminuzzati
2 Cipollotti scalogno
2 Carote
4 filetti d'Acciuga
2 cucchiaini di Capperi
2 cucchiaini di Passoline e Pinoli
2 Uova
5 cucchiai di Pangrattato
1 cucchiaio di Farina
Olio evo
Olio per friggere
Sale e spezie varie

Procedimento:
Pulire e mondare le taccol, sfilettare i merluzzi privandoli di lische e pelle e riporre entrambi gli ingredienti in una vaporiera. Cuocere al vapore per non oltre 10 minuti. Trasferire le taccole in una ciotola e il merluzzo in una terrina separata.
Per il ragù di taccole:
Affettare e smnuzzare i cipollotti scalogno e le carote, trasferirle in un tegame e con un filo d'olio evo procedere a realizzare il soffritto. Quando le cipolle ci saranno dorate, aggiungere i filetti d'acciuga e poi i pomodori pelati e coprire il tegame aumentando la fiamma. A bollore, condire il sugo con sale e pepe a piacimento e regolare, eventualmente, l'acidità con del bicarbonato quindi sminuzzare le taccole e aggiungerle al resto. Coprire nuovamente il tegame e lasciar cuocere il ragù di taccole per circa venti minuti, tempo necessario alla preparazione delle polpette.
Per le polpette di merluzzo:
Aiutandosi con una forchetta, sminuzzare il merluzzo poi aggiungere nella terrina: un pizzico di sale, le spezie (pepe, noce moscata e cumino), i capperi, le passoline e i pinoli, un cucchiaino di olio evo, le uova, il pangrattato ed impastare il tutto fino ad ottenere un composto ben amalgamato. Con le mani e prendendo piccole porzioni di impasto per volta, fare le polpette che andranno poi infarinate e fritte in abbondante olio bollente.
In fine trasferire le polpette nel tegame con il ragù di taccole, mescolare il tutto molto cautamente per non rovinare la forma delle vostre polpette, coprire e lasciar cuocere insieme per altri 5 minuti. Servite tiepide o fredde risulteranno più gustose e permetteranno al palato di percepire meglio tutti i sapori.


...questa ricetta ha partecipato ad un contest per saperne di più clicca QUI

8 commenti:

  1. Tiziana complimenti sembra molto appetitoso! Io le taccole le ho "scoperte" qui ad Atene, si può dire, perché sono molto usate in cucina! Mi piacciono tantissimo...Una cosa, perdonami ma sono veneta di nascita e oramai quasi greca;le passoline cosa sono? Uvetta? Carissimi saluti

    RispondiElimina
  2. Ciao Ornella,
    ben ritrovata ^.*
    In Sicilia è molto diffuso l’utilizzo in cucina di un mix detto “passoline e pinoli”, vendono le bustine con dentro entrambi questi due prodotti. Però, mentre i pinoli sono conosciuti e usati ovunque, le passoline sono tipiche e regionali e si tratta di un tipo particolare di uva passa. Quella più conosciuta è l’uva passa bionda, dall’acino dolce utilizzata in pasticceria (l’uva sultanina per intenderci) mentre la passolina (così come si chiama qui) è più scura e vagamente acidula, gusto che si accosta con il salato e nei piatti dal sapore agrodolce. Appena posso ti posto una foto per farti vedere di che uvetta parlo e se la vuoi provare… beh le faccio fare un viaggetto fino in Grecia ^_^

    RispondiElimina
  3. Ciao Tiziana sei gentilissima!! Prova a guardare qui:http://ilgiardinodeisaporiedeicolori.blogspot.com/2010/03/panini-con-luva-passa.html
    è per caso questa? Perché noi qui ne abbiamo tantissime varietà. Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Esatto Ornella, è proprio il tipo di uva passa di cui parlo... Invitanti questi panini *_*

    Alla prossima,

    RispondiElimina
  5. Ricetta inserita nella raccolta,grazie per la partecipazione :*

    RispondiElimina
  6. Grazie a te Nanny, sei stata gentilissima ^.*

    RispondiElimina
  7. Ciao! sei nuova anche tu!!! sei anche miciofila oltre cuoca???
    Complimenti per il tuo blog e le foto!!

    RispondiElimina
  8. Ciao Mary e benvenuta,
    decisamente sono una neofita dei foodblog, sposata da pochi mesi ho la mia cucina, dove creo questi piatti, da pochissimo quindi la mia passione sopita sta avendo modo di esprimersi e si sta sviluppando piano piano.

    Non miciofila, ma animalofila... amo tutti gli animali e allevo due tartarughe e un pappagallo monello ^_*

    Grazie per i complimenti e a prestissimo,

    RispondiElimina

Le tue parole al marzapane sono come una tavolozza di colori, utili per colorare il mondo insieme, pronte a dare vita a nuovi spunti... e sono gradite, sempre!

Translate

Gli amici